Emergenza grano, Putin detta le condizioni: «Revocate le sanzioni e sblocco i porti»

|

Il presidente russo in un messaggio all’Occidente rilancia sul fronte alimentare: «Il passaggio migliore è quello in Bielorussia»

In un messaggio all’Occidente, Putin offre una soluzione alla crisi alimentare che la guerra ha prodotto. Decine di tonnellate di grano sono ancora bloccate nei silos ucraini, i cui porti sono ormai sotto il controllo russo. Putin sostiene che la via più semplice sarebbe quella di passare per la Bielorussia, ma chiede di dettare le condizioni.

Per far uscire il grano si potrebbero utilizzare i porti occupati di Mariupol e Berdyansk, che i russi starebbero mettendo in sicurezza, contrariamente a quello di Odessa, rimasto invece in mani ucraine. Altre opzioni comprenderebbero il passaggio attraverso la Romania, l’Ungheria o la Polonia, ma quella bielorussa sarebbe la «soluzione più semplice ed economica»: il grano verrebbe consegnato subito ai porti degli Stati baltici e da lì a qualsiasi altra destinazione.

Do ut des: è una regola antica. E il presidente chiede qualcosa in cambio.

La condizione è la revoca delle sanzioni a Minsk

Sarebbero solo un bluff per mascherare gli errori politici europei, ha detto, le notizie secondo le quali la Russia bloccherebbe i porti ucraini: «Non ci sono problemi». Come a dire: la soluzione c’è, basta accettarla.

Che vengano revocate le misure adottate dall’Unione Europea nei confronti della Bielorussia in risposta al suo coinvolgimento nell’invasione dell’Ucraina. Questa la condizione affinché si possa procedere con l’esportazione.

Sanzioni economiche e individuali nei confronti di 22 persone, blocco dell’accesso a SWIFT (la Società per le Telecomunicazioni Finanziarie Interbancarie Mondiali) a cinque banche bielorusse, divieto di operazioni con la Banca centrale della Bielorussia, divieto di fornire banconote in euro alla Bielorussia, restrizioni agli scambi e limiti ai flussi finanziari dalla Bielorussia all’Unione. Il presidente chiede di sollevare il suo principale alleato da queste penalità. A tali condizioni, però, il traffico del grano rimarrebbe sotto il suo controllo.

L’Europa e la crisi del grano: «300 milioni di persone a rischio fame e carestia»

Ruberebbe il grano per venderlo agli altri Paesi. Così l’ambasciatore di Kiev ad Ankara, Vasyl Bodnar, accusa Mosca. Tra questi, anche la Turchia.

E proprio il nodo del grano sarà in cima all’agenda della visita nel Paese del ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov l’8 giugno. Ma tra gli ucraini imperversa la diffidenza. Il ministro degli Esteri Dmytro Kuleba ha fatto sapere che: «L’Ucraina è pronta a creare le condizioni necessarie perché riprendano le esportazioni dal porto di Odessa» ma si teme che la Russia possa approfittare della rotta commerciale per attaccare la città.

Intanto le cancellerie di tutta Europa stanno moltiplicando i loro sforzi. In un colloquio con Kuleba, Luigi di Maio ha ribadito di lavorare a una soluzione.

A Roma la crisi del grano è monitorata con attenzione. «300 milioni di persone a rischio fame e carestia» ha rilevato la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese, prevendendo un’impennata dei flussi migratori dentro e fuori l’Italia.

A Cipro da inizio anno si è osservato un aumento degli arrivi di migranti dal Nord Africa del +286%, mentre in Italia sono già sbarcate circa 20mila persone (rispetto alle 13.700 dello stesso periodo del 2021).

«I nostri Paesi, anche se lontani dalla guerra, sono vittime a livello economico» ha dichiarato a Putin il presidente senegalese Macky Sall, dicendosi poi rassicurato dalla risposta ottenuta.

© Riproduzione riservata

Dello stesso autore

E45, cantieri e incidenti: ecco la mappa dei nuovi lavori 

Anas annuncia il cronoprogramma dei prossimi interventi per la...

I russi aspettano il “Generale inverno”: attacco a -10 gradi 

Secondo i media ucraini gli uomini di Putin sono...

Ppe, Bakolas: “Meloni è pragmatica, vediamo se credibile”

I popolari europei sono a lavoro per programmare la...

Italiani, benvenuti nel post-populismo: tra malinconia e indignazione

L’Italia, secondo il Censis, è un Paese “entrato nel...

Italia, Serbia, Kosovo: cosa fare geopoliticamente?

Il contesto geopolitico attuale si dovrebbe proporre con ancora...

Pd e M5s in piazza, Calenda a Letta: “E’ incapace di strategia politica” 

Il leader di Azione attacca il segretario Dem dopo...

Istat, ora l’inflazione rallenta: beni alimentari in salita 

Continua a preoccupare il caro prezzi, ma la situazione...

La galassia della Exor: Ferrari, stampa e start up

Il terremoto che ha sconvolto la Juventus rilancia l’attenzione...

Tragedia nella notte: quarantenne pestato a morte

Una rissa finisce nel sangue a Borgo Bovio, nella...

Caos al carcere di Terni: i detenuti sono il doppio degli agenti  

Carenza di personale e nuovi episodi di violenza. L’allarme...

Riscatto Argentina: segna sempre Messi

Leo piega il Messico e l’Albiceleste rimane in corsa...

Terremoto Ternana, ko a Pisa e Bandecchi caccia Lucarelli 

La sconfitta in Toscana costa caro ai rossoverdi: l’allenatore...
Teseide Web Design - Realizzazione Siti Web

Leggi anche

Von der Leyen accelera: “Un processo di Norimberga per la Russia” 

La leader europea richiama i Paesi della Ue a...

“La Russia perderà centomila soldati in un anno”

Il presidente ucraino Zelensky nel suo messaggio alla popolazione:...
Teseide Web Design - Realizzazione Siti Web

Dalla Homepage

Ecco le città con più disoccupati: i dati Cgia per il 2023 

Per l’anno prossimo le previsioni parlano di + 63...

Fondi per la sanità, cambiano i parametri: quanto spetta alle Regioni

Dal 2023 verranno considerate la mortalità e l’indice di...

I russi aspettano il “Generale inverno”: attacco a -10 gradi 

Secondo i media ucraini gli uomini di Putin sono...

Dramma Uruguay, passa la Corea del Sud

Ai sudamericani non basta la vittoria sul Ghana (0-2)....

Pos e contante, Giorgetti e il botta e risposta Salvini-Sala

Giorgetti invita a evitare ristoranti che non accettano il...

Missili Aspide per l’Ucraina: nuovo pacchetto aiuti dall’Italia

Arriva il sesto Decreto Aiuti: proroga al 31 dicembre...