Il risiko del grano: ipotesi corridoio nel Mar Nero 

|

Continua il pressing sulla Russia per risolvere il blocco dei cereali: cresce di giorno in giorno il rischio di una catastrofe alimentare  

Kiev fa appello alle potenze europee per allontanare il rischio di una crisi alimentare a causa della crisi del grano. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, in occasione del Consiglio Europeo, invoca l’aiuto dei leader europei per trovare una soluzione alla questione.

Che Vladimir Putin utilizzi il grano come arma di guerra è chiaro da mesi e la politica inizia ad accorgersene; come denuncia Josep Borrell, l’Alto rappresentante Ue per la Politica Estera, «Putin sta affamando il mondo».

Il pericolo è quello di una catastrofe alimentare che colpirebbe decine di milioni di persone affaticate e con il rischio di riattivare ondate migratorie. E il premier Mario Draghi sottolinea che l’ipotesi è reale e che «se non ci sarà una soluzione, dovrà essere chiaro che la colpa è di Putin».

La scarsità del grano ed i sospetti del popolo ucraino

I magazzini ucraini contengono circa 20 milioni di grano che allo stato attuale sono bloccati e che necessitano di essere esportati sia per evitare il deterioramento che per fare spazio al nuovo raccolto. Il quadro è molto complesso principalmente a causa dei pacchetti di sanzioni inflitte alla Russia ma anche a causa del sospetto che la stessa Russia stia sottraendo del grano all’Ucraina.

Come ha denunciato il vice ministro ucraino per le Politiche Agrarie e l’Alimentazione Taras Vysotsky, sarebbero state rubate quasi mezzo milione di tonnellate di grano dai magazzini ucraini. Le prove del furto, come sottolinea Vysotsky, «provengono da tutte le regioni temporaneamente occupate: Cherson, Zaporizhia, Lugansk, Donetsk e Kharkiv. Il carico viene portato in Russia, principalmente da Kharkiv, Donetsk, Lugansk o la Crimea».

Fonti confermano che i russi avrebbero cercato di vendere il grano rubato prima in Egitto e Libano e poi in Siria ma ricevendo solamente rifiuti d’acquisto.

La risposta di Putin e i nuovi scenari internazionali

Alle accuse di questi giorni Putin si è mostrato aperto, esprimendo «la disponibilità a facilitare il transito marittimo senza ostacoli di merci in coordinamento con i partner turchi, e questo vale anche per il grano dai porti ucraini». Per il presidente russo la causa principale dell’incombente rischio di carestie è da individuare esclusivamente nelle sanzioni occidentali. A questo proposito in una nota del Cremlino Putin ha sottolineato che «la Russia può esportare notevoli quantità di fertilizzante e prodotti agricoli nel caso in cui venissero revocate le rilevanti sanzioni e restrizioni anti-russe». Per il momento l’ipotesi non rientra tra gli obiettivi dei leader europei che si preparano comunque ad intensificare gli sforzi per far uscire il grano dall’Ucraina.

Per Borrell si potrebbe immaginare l’apertura di un corridoio nel Mar Nero ma non senza un accordo con la Russia che, dichiara, «deve essere fatto a livello delle Nazioni Unite».

© Riproduzione riservata

Dello stesso autore

Lega Pro, via al progetto “Ethical Sport Management”

Ospiti del convegno Sebastiano Messina e Francesco Ghirelli, presidente...

Acquasparta, il primo romanzo horror italiano: “Il mio cadavere”

Appuntamento venerdì 9 dicembre a Palazzo Cesi per la...

Pochi medici, è allarme: “Centomila pronti alla fuga”

I numeri della Federazione nazionale degli ordini dei medici:...

Governo, Dl anti-Rave: è scontro sulle nuove modifiche 

Passa a maggioranza in Senato: addio ai reati contro...

Asm, Tiziana Buonfiglio nuovo amministratore delegato

Il presidente del Servizio Idrico Integrato Carlo Orsini: “Grandi...

Sogna il Marocco che affronterà il super Portogallo, Spagna out

Eliminate le Furie Rosse ai rigori, i nordafricani sognano....

Intergruppo disabilità, Guidi: “Pregiudizio la barriera più grande”

I temi sul tavolo: trasversalità, unitarietà, barriere. Locatelli “A...

Asm-Acea, firma per il primo accordo: “Operazione di prospettiva”

Il sindaco di Terni Leonardo Latini ha partecipato al...

Tragedia di San Giustino, l’autopsia sul corpo di Natasha 

Indagini avanti sulla morte dei quattro ragazzi che hanno...

Un concerto con i big firmato Tapojarvi: evento per l’Aism 

Si intitola “Musica e Parole” ed è un concerto...

E’ morto il lupo Merlino, simbolo di speranza dei Monti Sibillini 

La sua storia è intimamente legata alla figura di...

Ast, nuovo bonus ai dipendenti: arrivano 500 euro 

Dopo l’annuncio dell’azienda di qualche giorno fa per la...
Teseide Casa Editrice

Leggi anche

Accolti mamme e bambini ucraini: “Gioia nei loro occhi”

Grandi e piccini nel Comune di Polino: arrivano dalla...

Von der Leyen accelera: “Un processo di Norimberga per la Russia” 

La leader europea richiama i Paesi della Ue a...

A Kherson 28 bombardamenti in 24 ore: colpito centro oncologico 

La Russia avanza e intanto aspetta le basse temperature...
Teseide Casa Editrice

Dalla Homepage

Riforma Cartabia e intercettazioni: la verità di Nordio 

“La pubblicazione delle intercettazioni non ha colpito solo politici...

Pil in diminuzione nel 2023: gli scenari dell’Istat

Il report “Prospettive per l'economia italiana nel 2022-2023”: l’aumento...

Lega Pro, via al progetto “Ethical Sport Management”

Ospiti del convegno Sebastiano Messina e Francesco Ghirelli, presidente...

Pochi medici, è allarme: “Centomila pronti alla fuga”

I numeri della Federazione nazionale degli ordini dei medici:...

Sogna il Marocco che affronterà il super Portogallo, Spagna out

Eliminate le Furie Rosse ai rigori, i nordafricani sognano....