Giornalista uccisa, l’ultimo messaggio di Abu Aqleh: «Stanno assediando una casa, vado lì»

|

Il collega della reporter di Al Jazeera morta in Cisgiordania: «Ho sentito un colpo, poi il secondo ha colpito lei». Da inizio anno sono 26 gli operatori dell’informazione uccisi  

Lutto nel mondo del giornalismo. Ha perso la vita Abu Aqleh, la giornalista che ha raccontato la Palestina negli ultimi vent’anni. Con lei arrivano a 26 gli operatori dell’informazione uccisi da gennaio

Si aggiunge un altro nome alla lista già cospicua dei giornalisti che sono morti durante l’esercizio della loro professione. A perdere la vita questa volta è Sheeren Abu Agleh, reporter e volto molto noto che lavorava per l’emittente televisiva araba Al- Jazeera. La giornalista è stata uccisa a Jenin, città nella Cisgiordania settentrionale, durante un attacco dell’esercito israeliano.

La ricostruzione 

Secondo quanto riportato dal collega Ali Al-Samoudi, rimasto ferito dopo il colpo, l’esercito israeliano ha colpito i giornalisti in modo deliberato. Al-Samoud afferma: «Stavamo andando a seguire l’operazione dell’esercito israeliano quando hanno aperto il fuoco su di noi. Un proiettile mi ha colpito. Il secondo proiettile ha colpito Shireen». C’è un video in cui si vede un corpo a terra che dovrebbe essere quello della giornalista, visto che aveva con sé un giubbotto antiproiettile con su scritto “Press”. La redazione ha pubblicato l’ultimo messaggio ricevuto dalla giornalista all’ufficio di Ramallah che risale alle 6:13 (ora locale) di questa mattina: «Le forze di occupazione stanno assaltando Jenin e assediano una casa nel quartiere di Jabriyat. Mi sto recando lì, vi darò notizie non appena il quadro sarà chiaro». Purtroppo, ora Sheeren non potrà più raccontare quel che accade nel Medio Oriente.

Da gennaio 26 giornalisti hanno perso la vita

La vita spezzata della giornalista si aggiunge alla lista, purtroppo considerevole, dei professionisti dell’informazione che muoiono sul campo. Secondo Reporter senza frontiere (RSF) sono con lei già 26 i giornalisti uccisi da gennaio. Nell’elenco compaiono 4 donne e due collaboratori dei media in una dozzina di paesi. Fare il giornalista, soprattutto in alcuni paesi di guerra, significa rischiare di essere uccisi mentre si svolge il proprio lavoro.

I numeri nel mondo

Il Messico rappresenta la nazione in assoluto più pericolosa per esercitare la professione, infatti, tra giornalisti e operatori dei media ben 8 persone hanno perso la vita. Anche l’Ucraina, soprattutto in seguito allo scoppio della guerra lo scorso 24 febbraio, è diventato un luogo pericoloso per fare informazione. A perdere la vita, sono stati 7 tra giornalisti ed altri operatori. Nello Yemen, terreno di conflitti da oltre 7 anni, 2 hanno perso la vita tra febbraio e marzo. Stessa sorte per chi lavorava ad Haiti, Iran, Siria ed altri paesi. La situazione è allarmante. Inoltre, dal primo gennaio sono stati arrestati e imprigionati in 64 tra giornalisti e collaboratori dei media. Sale invece la percentuale di quelli che si trovano in detenzione arbitraria del 20%: al 31 dicembre scorso erano in 488, di cui 60 donne. Ad oggi fare il giornalista, soprattutto in alcuni paesi, significa anche non tornare più a casa. Abu Aqleh, che ci ha lasciato oggi, rappresenta un fenomeno purtroppo più ampio di professionisti dell’informazione che rischiano la vita ogni giorno.

© Riproduzione riservata

Dello stesso autore

Italia, Serbia, Kosovo: cosa fare geopoliticamente?

Il contesto geopolitico attuale si dovrebbe proporre con ancora...

Pd e M5s in piazza, Calenda a Letta: “E’ incapace di strategia politica” 

Il leader di Azione attacca il segretario Dem dopo...

Istat, ora l’inflazione rallenta: beni alimentari in salita 

Continua a preoccupare il caro prezzi, ma la situazione...

La galassia della Exor: Ferrari, stampa e start up

Il terremoto che ha sconvolto la Juventus rilancia l’attenzione...

Tragedia nella notte: quarantenne pestato a morte

Una rissa finisce nel sangue a Borgo Bovio, nella...

Caos al carcere di Terni: i detenuti sono il doppio degli agenti  

Carenza di personale e nuovi episodi di violenza. L’allarme...

Riscatto Argentina: segna sempre Messi

Leo piega il Messico e l’Albiceleste rimane in corsa...

Terremoto Ternana, ko a Pisa e Bandecchi caccia Lucarelli 

La sconfitta in Toscana costa caro ai rossoverdi: l’allenatore...

Bonaccini traccia la linea: “Confronto con Terzo Polo e M5s” 

Il governatore dell’Emilia Romagna svela le sue strategie dopo...

Meloni a Confartigianato: “L’Italia torna forte e riconoscibile”

Grande attenzione al Made in Italy, riduzione della pressione...

Cop27, perché è fallita? Più lobbisti e Paesi emergenti incerti

Il gas tra le fonti energetiche del futuro e...

Prostitute uccise a Roma: un sospettato in questura

Le informazioni divulgate fanno riferimento ad un cinquantenne con...
Teseide Casa Editrice

Leggi anche

Caos al carcere di Terni: i detenuti sono il doppio degli agenti  

Carenza di personale e nuovi episodi di violenza. L’allarme...

Omicidio di Borgo Bovio: il 26enne resta in carcere

La decisione del giudice per le indagini preliminari dopo...

Va a fuoco il materasso: anziana trasportata in ospedale

Intervento dei vigili del fuoco di Assisi e Perugia...

Rapina violenta al supermercato: condannati a tre anni

Arriva la sentenza per il processo contro due diciottenni...

Due furti di cellulari eseguiti nello stesso pomeriggio

I fatti sono avvenuti nella giornata di domenica a...
Teseide Web Design - Realizzazione Siti Web

Dalla Homepage

Manovra, i dubbi Cisl: “Ok emergenza, manca Industria 4.0”

Il segretario confederale Ignazio Ganga ascoltato nelle commissioni riunite...

Giappone e Spagna avanti: fuori la Germania

Ai tedeschi non bastano le quattro reti al Costa...

Italia, Serbia, Kosovo: cosa fare geopoliticamente?

Il contesto geopolitico attuale si dovrebbe proporre con ancora...

Tour de France, chiusura a Nizza. Parigi impegnata con le Olimpiadi

Svolta storica, la Grande Boucle si fermerà in Costa...

La forza delle donne, evento con la giornalista Pannitteri

Ad Acquasparta la presentazione del libro: sono 104 le...