Cina, manovre militari nel Pacifico: scatta l’allerta di Giappone e Usa

|

Tokyo fa scattare il pattugliamento di sorveglianza, Washington in quelle acque staziona con la portaerei Abramo Lincoln

Pechino ha avviato manovre militari nel Pacifico occidentale, nelle acque a sud di Okinawa e a est di Taiwan. Le operazioni di addestramento non sono passate inosservate al Giappone, che era di guardia nelle vicinanze, e alla marina Usa che stava operando nel mare delle Filippine.

Il Giappone muove le sue pedine

Mentre la Cina ha avviato un’esercitazione militare nel Pacifico occidentale, area sempre più strategica per le relazioni internazionali, il Giappone non è rimasto a guardare e ha risposto con il decollo dei suoi aerei. Il ministero della Difesa di Tokyo fa sapere che è stato fatto decollare un aereo da pattugliamento marittimo Kawasaki P-1 e un aereo anti-sottomarino e di sorveglianza marittima Lockheed P-3 Orion, in risposta alla Cina. Tutto è iniziato martedì, quando è stata fotografata la portaerei Liaoning con cui la marina cinese ha organizzato l’esercitazione militare. La Liaoning, nave da guerra cinese di origine sovietica che la Cina ha acquistato dall’Ucraina nel 1998, era in addestramento insieme al suo gruppo d’attacco di 7 unità navali, tra cui 5 cacciatorpediniere e all’interno anche il Type 055, il più potente della flotta di Pechino. Le manovre cinesi sono state avvistate dalla portaerei giapponese Izumo che si trovava di guardia nelle vicinanze. A quel punto il Giappone ha deciso di dare una chiara risposta alla Cina con il decollo dei suoi aerei.

Gli Usa e i tentativi di ricognizione

Non solo il Giappone era di guardia durante l’operazione cinese: anche la portaerei Abraham Lincoln della marina Usa, insieme al suo gruppo di attacco, operava nel mar delle Filippine almeno a partire da lunedì, come riferisce il sito web dell’Us Naval Institute. Il Global Times, tabloid cinese nazionalista prodotto dal Quotidiano del Popolo, che è il giornale del partito comunista, avvisa: «È possibile che le portaerei cinese, giapponese e statunitense siano in stretta vicinanza l’una all’altra». Poi, citando il parere di alcuni esperti, il giornale afferma: «È quasi certo che le navi da guerra e gli aerei da guerra giapponesi e statunitensi condurranno tentativi di ricognizione ravvicinati e faranno alcune mosse provocatorie verso la flottiglia cinese». In piena guerra in Europa, anche le relazioni internazionali, tra provocazioni, esercitazioni e risposte strategiche, destano preoccupazioni.

© Riproduzione riservata

Dello stesso autore

Istat, ora l’inflazione rallenta: beni alimentari in salita 

Continua a preoccupare il caro prezzi, ma la situazione...

La galassia della Exor: Ferrari, stampa e start up

Il terremoto che ha sconvolto la Juventus rilancia l’attenzione...

Tragedia nella notte: quarantenne pestato a morte

Una rissa finisce nel sangue a Borgo Bovio, nella...

Caos al carcere di Terni: i detenuti sono il doppio degli agenti  

Carenza di personale e nuovi episodi di violenza. L’allarme...

Riscatto Argentina: segna sempre Messi

Leo piega il Messico e l’Albiceleste rimane in corsa...

Terremoto Ternana, ko a Pisa e Bandecchi caccia Lucarelli 

La sconfitta in Toscana costa caro ai rossoverdi: l’allenatore...

Bonaccini traccia la linea: “Confronto con Terzo Polo e M5s” 

Il governatore dell’Emilia Romagna svela le sue strategie dopo...

Meloni a Confartigianato: “L’Italia torna forte e riconoscibile”

Grande attenzione al Made in Italy, riduzione della pressione...

Cop27, perché è fallita? Più lobbisti e Paesi emergenti incerti

Il gas tra le fonti energetiche del futuro e...

Prostitute uccise a Roma: un sospettato in questura

Le informazioni divulgate fanno riferimento ad un cinquantenne con...

Schianto sul raccordo: autista in ospedale e traffico in tilt 

Disagi sabato mattina lungo la E45 all’altezza delle uscite...

Neuropsichiatria infantile: “Troppi cambi, situazione allarmante”

I consiglieri comunali di Forza Italia con un atto...
Teseide Web Design - Realizzazione Siti Web

Leggi anche

Von der Leyen accelera: “Un processo di Norimberga per la Russia” 

La leader europea richiama i Paesi della Ue a...

“La Russia perderà centomila soldati in un anno”

Il presidente ucraino Zelensky nel suo messaggio alla popolazione:...
Teseide Casa Editrice

Dalla Homepage

Opzione donna, ipotesi proroga a tempo: i conti del governo 

Tra gli scenari presi in considerazione per la riforma...

Von der Leyen accelera: “Un processo di Norimberga per la Russia” 

La leader europea richiama i Paesi della Ue a...

Non ci resta che il crimine diventa una serie tv

Dopo il successo della trilogia cinematografica, la commedia è...

Usa, Macron avverte: “Non usare l’Europa contro la Cina”

Il presidente francese in visita di Stato a Washington,...

Usa, ok ai robot killer per la polizia: Robocop diventa realtà?

Scenario da film fantascientifico a San Francisco, dove le...