Biden al Congresso sulle armi: «Scuole diventano campi di sterminio»

|

«Quante carneficine ancora?», così il presidente Usa assale l’aula parlamentare per chiedere ancora una volta l’approvazione di una legge che ponga maggiori controlli alla compravendita di pistole e fucili 

«Adesso basta. Dopo Columbine, Sandy Hook, Orlando e Las Vegas nulla è stato fatto. Questa volta dobbiamo agire», così Joe Biden aggredisce l’aula del Congresso nel suo intervento per chiedere una legge che regoli la compravendita delle armi. 

In tutto 234 sparatorie da inizio anno: questo è il dato che il presidente Usa tende a sottolineare più volte, perché «le armi e gli ospedali sono diventati campi di sterminio qui in America».  

«Quante altre carneficine siamo disposti ad accettare? Il Senato deve fare qualcosa. E’ inaccettabile e immorale il rifiuto di alcuni repubblicani anche solo ad avviare il dibattito», continua Biden. 

La strategia per il presidente sarebbe quella di istruire la popolazione sul rischio delle armi d’assalto. Se non si possono vietare le armi, bisogna alzare l’età minima per acquistarle, portandola da 18 a 21 anni. 

I massacri recenti di Buffalo, Uvalde e Tulsa riportano alla ribalta le “Red Flag Laws”, leggi che consentono alla polizia e famigliari di chiedere al tribunali il ritiro delle armi a qualcuno quando ritenuto pericoloso per l’incolumità pubblica. Biden si è più volte espresso a favore di questi provvedimenti. 

«Il Secondo Emendamento non è assoluto. Non prevede diritti illimitati. Non si vuole strappare niente a nessuno – continua il presidente – si tratta solo di proteggere i nostri bambini, per i quali le armi sono la causa di morte numero uno. Vogliamo proteggere la comunità». 

Biden sottolinea poi che sulla questione della sicurezza pubblica non mollerà, fino a portarlo come tema centrale della campagna elettorale dei prossimi anni: «Se il Congresso dovesse fallire, penso che questa volta neanche la maggioranza degli americani mollerà». 

La strada per il presidente Usa si mostra però sempre più in salita: i democratici non hanno i numeri in Senato per poter forzare la mano. Anche nella campagna elettorale di metà mandato i liberal sono deboli e divisi. E mentre in Senato si litiga, in America continuano le sparatorie: nella giornata di ieri 2 giugno, c’è stata un’altra sparatoria in Wisconsin in cui sono rimaste ferite 5 persone.

© Riproduzione riservata

Dello stesso autore

Pil in diminuzione nel 2023: gli scenari dell’Istat

Il report “Prospettive per l'economia italiana nel 2022-2023”: l’aumento...

Forza Italia lancia la proposta: “Permessi Ztl validi in tutta Italia”

Il gruppo consiliare di Terni in un atto di...

Perugia, la carica dei nuovi sommelier: ecco chi ha superato l’esame 

Consegnati i diplomi, il tastevin da indossare sulla divisa...

Maltempo, dalla Regione arrivano 200mila euro 

Sono in totale 213 mila euro i fondi messi...

Accolti mamme e bambini ucraini: “Gioia nei loro occhi”

Grandi e piccini nel Comune di Polino: arrivano dalla...

A Roma arrivano i cassonetti intelligenti: via ai test 

Il quartiere Africano di Roma primo luogo di sperimentazione...

E45, cantieri e incidenti: ecco la mappa dei nuovi lavori 

Anas annuncia il cronoprogramma dei prossimi interventi per la...

I russi aspettano il “Generale inverno”: attacco a -10 gradi 

Secondo i media ucraini gli uomini di Putin sono...

Ppe, Bakolas: “Meloni è pragmatica, vediamo se credibile”

I popolari europei sono a lavoro per programmare la...

Italiani, benvenuti nel post-populismo: tra malinconia e indignazione

L’Italia, secondo il Censis, è un Paese “entrato nel...

Italia, Serbia, Kosovo: cosa fare geopoliticamente?

Il contesto geopolitico attuale si dovrebbe proporre con ancora...

Pd e M5s in piazza, Calenda a Letta: “E’ incapace di strategia politica” 

Il leader di Azione attacca il segretario Dem dopo...

Leggi anche

Dalla Homepage

Meno fondi ai 18enni, più soldi a cinema e libri: il punto 

Emendamento alla legge di bilancio promosso dalla maggioranza: per...

Modifiche al Pnrr: ecco i tempi. Via a gennaio 

La Ragioneria di Stato vuole accelerare per presentare i...

Marracash torna con la deluxe edition di Noi, loro, gli altri

A un anno di distanza dall'uscita del disco, il...

Più libri Più liberi e la macchina dei social

Secondo i dati Aie, i social network influenzano l’acquisto...

Brittney Grinder libera: ecco cosa c’è dietro lo scambio

La giocatrice di basket americana era detenuta da mesi...

Harry e Meghan: le prime reazioni alla docuserie di Netflix

È arrivata su Netflix la prima parte del discusso...