Caos al carcere di Terni: i detenuti sono il doppio degli agenti  

|

Carenza di personale e nuovi episodi di violenza. L’allarme della Cgil: “Situazione critica che denunciamo da tempo”. I numeri: 530 dietro le sbarre, 200 guardie  

La casa circondariale di Terni soffre da anni di una grave carenza di personale di polizia penitenziaria. “Negli ultimi anni abbiamo segnalato più volte una cattiva gestione dei trasferimenti dei detenuti da parte del Provveditorato di Firenze e del Dipartimento, che continuano a inviare a Terni soggetti pericolosi – scrive in una nota la Fp Cgil polizia penitenziaria di Terni- Più volte abbiamo sottolineato che la popolazione detenuta in questo istituto non solo è evidentemente problematica, ma assolutamente sproporzionata rispetto al personale effettivamente operativo”. I numeri parlano chiari: 530 detenuti a fronte di 200 poliziotti, un rapporto difficilmente rinvenibile nell’intero panorama nazionale. “Per venire ai recenti avvenimenti – continua la Fp Cgil – ricordiamo che a seguito della recente rivolta del 16 ottobre, contrariamente a quanto pubblicato da alcune testate su indicazione dell’amministrazione, non tutti gli artefici dei disordini sono stati trasferiti, ne restano ancora almeno 5. Ma nella cattiva gestione la realtà supera la fantasia: infatti, sono stati assegnati 7 ispettori, ma 5 trasferiti ad altra sede e 2 prossimi al pensionamento, quindi il saldo è pari a zero”. Il sindacato segnala inoltre che anche un agente è stato trasferito nell’ambito di una mobilità straordinaria; senza dimenticare che nell’ultima mobilità sono giunti meno della metà dei poliziotti attesi, in quanto gli altri sono stati assegnati a vario titolo ad altre sedi (legge 104, mandato elettorale, distacchi ministeriali, ecc.)”.

“In parole povere – insiste la Fp Cgil – dal punto di vista amministrativo il DAP invia personale, ma gli uomini non arrivano. Peggio sul versante detenuti, non solo non si trasferiscono quei soggetti segnalati ed indesiderati, ma continuano ad arrivare detenuti problematici. L’ennesimo episodio di cattiva gestione da parte del Provveditorato è avvenuto oggi ieri. L’ufficio ha infatti assegnato a Terni un pericolosissimo soggetto che appena giunto ha distrutto una cella, sputando sul personale operante e ingiuriandolo. Successivamente, quando tutto sembrava tornato all’ordine, sempre lo stesso detenuto ha causato un incendio all’interno della stessa camera detentiva. Ci sono stati poliziotti coinvolti per aver inalato fumi dovuti a combustione. L’incendio ha devastato l’intera cella, creando così panico all’interno della semi-sezione di prima accoglienza. Se fossimo in ambito pubblico si potrebbe parlare di una gestione fallimentare. Per cui continuiamo a chiedere seri interventi su questo Istituto, indirizzati sia sull’aumento del personale effettivo (e non a chiacchiere) sia sulla consistente diminuzione dei detenuti presenti. Chiediamo, ancora, che la Direzione ed i vertici dell’Istituto ternano “battano i pugni sul tavolo” e la finiscano di mettersi sempre e comunque a disposizione dei superiori uffici. Tutto questo a garanzia dei lavoratori e per evitare rischi alla sicurezza sociale dei cittadini e delle donne e uomini della Penitenziaria. Senza positivo riscontro ci attiveremo con ulteriori iniziative”, conclude la Fp Cgil.

© Riproduzione riservata

Dello stesso autore

Usa e il futuro dell’Ucraina: ecco il piano post guerra

A disegnare lo scenario post-war è stato il segretario...

“I soldi ci sono ma il cantiere è fermo”: protestano i residenti 

L’intervento del circolo del Pd che intercetta il malcontento...

Pericoli lungo la strada: la protesta dei residenti di Miranda

Rami che cadono e vegetazione incolta: la vicenda degli...

Morti in strada: gennaio mese nero con 73 vittime

I dati dell'Osservatorio dell'Associazione amici e sostenitori della polizia...

Cairo, trovata la mummia più antica al mondo: è di 4.300 anni fa

Secondo l'archeologo Zahi Hawass la tomba appartiene a un...

Milleproroghe, smartworking per i fragili e le altre proposte da votare

Salta pensione a 70 anni per i dipendenti della...

Shoah, la denuncia di Herzog: “L’Europa fu terra dell’Olocausto”

Il presidente israeliano all’Eurocamera ricorda “il più orribile dei...

Meloni da Nordio, sguardi d’intesa sul “grande piano” della giustizia

La premier blinda il suo Guardiasigilli. Sul tavolo ci...

Cospito: il primo caso di un anarchico al 41 bis

Tre mesi di attesa per l'udienza della Cassazione. Il...

Curare l’insonnia? Oggi si può. In arrivo farmaco rivoluzionario

La nuova molecola si chiama "daridorexant" e agisce sull'orexina....

Consob: solo l’11% degli italiani investe in sostenibilità

I risultati delle indagini svelano come la mancanza di...

Presidenzialismo? Guidi è per un’Italia senza modelli

Il senatore di Fratelli d’Italia: "Credo nel cambiamento dolce...

Leggi anche

Dalla Homepage

Ast cresce: acquistato nuovo impianto di laminazione a freddo 

Dal costo di cento milioni, il macchinario arriva dal...

Infiltrazioni mafiose in Umbria: “Presenza ben radicata”

I settori dell'edilizia, del turismo e dell'agroalimentare sono quelli...

La nuova carta dei servizi per l’ospedale di Terni: ecco come funziona

Il direttore generale Casciari svela l’obiettivo del nuovo servizio:...

“I soldi ci sono ma il cantiere è fermo”: protestano i residenti 

L’intervento del circolo del Pd che intercetta il malcontento...

MasterChef alla Cascata delle Marmore arriva anche in Australia 

Andrea, ternano che lavora a Melbourne, rilancia la passione...

Videosorveglianza, Lega: “Con il PD la città era meno sicura”

Le telecamere di di sicurezza saranno installate a Piediluco,...