Allarme dispersione scolastica, Agia: «Ora un programma di reinserimento sociale»

|

L’Autorità garante per Infanzia e Adolescenza propone un piano di sinergia fra istituzioni, famiglie e istituti per arginare il fenomeno

La dispersione scolastica degli alunni italiani è in rialzo: è questo il quadro che emerge dall’indagine conoscitiva promossa dall’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza. Il rapporto è stato presentato a ridosso della chiusura dell’anno scolastico, il terzo che viene condizionato nel suo svolgimento dalle regole di contenimento della pandemia. 

L’elaborato finale, realizzato da alcuni rappresentanti del mondo accademico e scolastico, è commentato da Carla Garlatti, Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza (Agia): «Va rilanciata l’idea di istituire aree di educazione prioritaria nelle zone del Paese a più alto rischio di esclusione sociale». Il binomio fra istruzione e condizioni sociali è ben presente all’interno dell’indagine condotta: «Occorre concentrare le risorse per rendere eccellenti le scuole e i servizi frequentati dai bambini in condizioni di vulnerabilità. Va fatta una mappatura delle aree geografiche caratterizzate da difficoltà sociali, economiche, culturali o attraversate da processi migratori». 

Tre assi per migliorare la situazione

La proposta di reinserimento sociale presentata si articola su tre assi fra il contrasto ai fattori che provocano la povertà educativa, la prevenzione della stessa e promozione di una “cultura” scolastica da perseguire sia negli istituiti, nelle famiglie ma anche dagli organi istituzionali. 

Garlatti punta molto sul coinvolgimento dei genitori lungo il processo di formazione scolastica dei figli, prevedendo dei colloqui personalizzati di conoscenza o istituendo riunioni molto più partecipative. È importante, quindi, la costruzione di una rete sociale. 

«Occorre inoltre investire su un forte rinnovamento della didattica e degli stili di insegnamento, sull’aumento del numero di scuole a tempo pieno, sulla promozione di ambienti informali di apprendimento e aggregazione – continua l’Agia – Bisogna assicurare il raggiungimento dell’obbligo scolastico per alunni particolarmente svantaggiati e offrire loro la possibilità di uscire da un contesto sociale marginale». 

Importante è l’aumento delle risorse del sistema integrato dei servizi educativi e socio-educativi, dall’orientamento scolastico sia in entrata che in uscita, fino al supporto psicologico all’interno dei plessi. 

Secondo l’Agia, è importante, in questo senso, creare una “cultura” della scuola non solo negli studenti, ma anche nella popolazione adulta. Tutto questo sarà attuabile solo con un’intesa col vertice governativo e ministeriale. 

I numeri della dispersione: divari tra Nord e Sud

Il rapporto presentato dall’Agia mostra una situazione poco confortevole, con un tasso di dispersione scolastica in rialzo. Fattore che ha contribuito molto a ciò è stato il continuo prolungamento della didattica a distanza, dettato dalle condizioni pandemiche. 

A scuola hanno un peggior rendimento, o hanno maggiori probabilità di lasciare gli studi, gli alunni provenienti da contesti familiari, culturali e sociali più fragili. Lo studio sottolinea che il 22,7% degli studenti che si ritirano hanno i genitori che possiedono al massimo il diploma di terza media. Il 22% di chi lascia la scuola ha familiari con professioni non qualificate o disoccupati. 

Fra gli alunni stranieri il tasso di abbandono scolastico è triplicato rispetto a quello degli alunni italiani (9,1% contro il 2,9%), mentre forti divari si presentano fra Nord e Sud Italia, anche negli accessi agli asili nido, non sempre destinati alle famiglie più bisognose. 

© Riproduzione riservata

Dello stesso autore

Usa e il futuro dell’Ucraina: ecco il piano post guerra

A disegnare lo scenario post-war è stato il segretario...

“I soldi ci sono ma il cantiere è fermo”: protestano i residenti 

L’intervento del circolo del Pd che intercetta il malcontento...

Pericoli lungo la strada: la protesta dei residenti di Miranda

Rami che cadono e vegetazione incolta: la vicenda degli...

Morti in strada: gennaio mese nero con 73 vittime

I dati dell'Osservatorio dell'Associazione amici e sostenitori della polizia...

Cairo, trovata la mummia più antica al mondo: è di 4.300 anni fa

Secondo l'archeologo Zahi Hawass la tomba appartiene a un...

Milleproroghe, smartworking per i fragili e le altre proposte da votare

Salta pensione a 70 anni per i dipendenti della...

Shoah, la denuncia di Herzog: “L’Europa fu terra dell’Olocausto”

Il presidente israeliano all’Eurocamera ricorda “il più orribile dei...

Meloni da Nordio, sguardi d’intesa sul “grande piano” della giustizia

La premier blinda il suo Guardiasigilli. Sul tavolo ci...

Cospito: il primo caso di un anarchico al 41 bis

Tre mesi di attesa per l'udienza della Cassazione. Il...

Curare l’insonnia? Oggi si può. In arrivo farmaco rivoluzionario

La nuova molecola si chiama "daridorexant" e agisce sull'orexina....

Consob: solo l’11% degli italiani investe in sostenibilità

I risultati delle indagini svelano come la mancanza di...

Presidenzialismo? Guidi è per un’Italia senza modelli

Il senatore di Fratelli d’Italia: "Credo nel cambiamento dolce...

Leggi anche

Dalla Homepage

Attacco alle ambasciate: nei video cinque incappucciati. Il precedente greco 

Dalla Spagna i media rilanciano l’individuazione dei presunti responsabili...

Artigianato come start up: i giovani rilanciano il settore

Il direttore di Homi Emanuele Guido conferma il trend:...

Malattie tropicali in Italia: 4 mila casi ogni anno

Dalla strongiloidosi all'echinococcosi, dalla dengue alla chikungunya: i numeri...

Lotta contro l’antisemitismo, Pecoraro: “Agire sui giovani”

L’impegno del neo-coordinatore a sciogliere i movimenti neofascisti e...

Giallo a Roma: morto Stefano Sparti, figlio dell’ex della Magliana

La procura ha avviato un fascicolo di indagine per...