Unione Europea, c’è il via libera alla candidatura di Kiev

|

La Bulgaria blocca l’apertura dei negoziati di adesione di Macedonia del Nord e Albania. Il primo ministro albanese ha definito il veto una «vergogna». La presidente Metsola ha definito questa giornata come storica: «Daremo lo status di paese candidato all’Ucraina»

Giornate decisive per il futuro e l’allargamento dell’Ue. Nel pomeriggio di giovedì i 27 paesi membri hanno dato il via al Consiglio europeo per discutere di molteplici questioni. Tra i temi più importanti sul tavolo: il futuro dell’Ue, la guerra, e l’adesione di Ucraina, Moldavia e Georgia come paesi candidati.

Sempre a Bruxelles, c’è stato il vertice tra Ue e Balcani per parlare di cooperazione, politica comune, allineamento dei valori condivisi e altri temi che legano l’Unione ai sei paesi dei Balcani occidentali presenti al summit. Come ha spiegato il presidente del Consiglio europeo Charles Michel: «C’è una concreta volontà politica di rivitalizzare il processo con i Balcani». In un momento in cui ci siamo accorti di quanto siano importanti le relazioni internazionali per proteggerci da minacce esterne. Il vertice di questa mattina, tuttavia, non è stato positivo per tutti i paesi. A proposito di espansione dell’Ue, la Bulgaria blocca l’apertura dei negoziati di adesione alla Macedonia del Nord e all’Albania.

Il veto della Bulgaria su Macedonia del Nord e Albania, commenta il ministro albanese: «Una vergogna»

L’alto rappresentante dell’Unione per gli affari Esteri e la politica di Sicurezza, Josep Borell, ha parlato proprio per questo motivo di delusione. «L’unanimità è un grande problema» ha affermato, a proposito del ‘capriccio’ della Bulgaria. Parole più confortanti quelle del presidente del Consiglio europeo Michel che ha dichiarato: «Ci sono discussioni in corso in Bulgaria, stiamo seguendo da vicino la situazione». Il veto che blocca Albania e Macedonia del Nord è dovuto ad una disputa identitaria che Sofia ha con Skopje. A Bruxelles, dunque, ora si punta a sbloccare l’opposizione del paese contrario per poi poter procedere con i negoziati.

A commentare la questione il primo ministro dell’Albania, Edi Rama, che ha definito il blocco all’avvio dei negoziati una ‘vergogna’ affermando che: «Putin è malato, ma non sembra che l’Europa sia in salute. Fa bene e fa male stare qui. Bene, perché siamo europei, male perché siamo ospiti in una casa divisa ed è molto preoccupante».

Al via al Consiglio europeo: «Giornata storica per Europa e Ucraina», afferma Metsola

Dopo una mattinata difficile in cui i leader hanno dovuto discutere di questioni ‘problematiche’ Il pomeriggio sembra proiettarsi più positivo per Bruxelles. Perlomeno arrivano parole ottimiste dalla presidente del Parlamento europeo, Roberta Metsola, che definisce la giornata di oggi come ‘storica’: «Daremo lo status di paese candidato all’Ucraina, cosa che il Parlamento Europeo ha chiesto sin dall’inizio della brutale guerra scatenata dalla Russia». Il parlamento ha approvato con 529 voti a favore, 45 contrari e 14 astenuti la relazione in cui si chiede di concedere immediatamente lo status di candidato all’Ue all’Ucraina e alla Moldavia. La Georgia dovrà completare prima delle riforme necessarie dato che si trova indietro rispetto gli altri due paesi per poter fare ingresso nella famiglia europea. La presidente Metsola, inoltre, ha anche dichiarato di essere preoccupata per il futuro: «Sulle forniture di gas abbiamo bisogno di trovare soluzioni nell’immediato e non solo nel breve e medio termine. Nei prossimi mesi sarà molto difficile, siamo preoccupati di dover affrontare diciamo un inverno molto costoso e difficile da un punto di vista energetico-poi puntualizza: ci saranno decisioni da prendere- non solo politicamente, ma anche rispetto alla dipendenza energetica».

Dunque, molteplici gli argomenti discussi da questa mattina ma l’agenda è ancora densa di questioni di cui parlare. L’Europa, ma non solo, guarda a Bruxelles.

© Riproduzione riservata

Dello stesso autore

Giappone e Spagna avanti: fuori la Germania

Ai tedeschi non bastano le quattro reti al Costa...

Tour de France, chiusura a Nizza. Parigi impegnata con le Olimpiadi

Svolta storica, la Grande Boucle si fermerà in Costa...

Omicidio di Borgo Bovio: il 26enne resta in carcere

La decisione del giudice per le indagini preliminari dopo...

Carambola lungo la E45, tre persone finiscono in ospedale 

Incidente stradale intorno alle 19 a Pontenuovo: coinvolte un’auto...

La forza delle donne, evento con la giornalista Pannitteri

Ad Acquasparta la presentazione del libro: sono 104 le...

Disastro Lukaku: Belgio eliminato

Pari con la Croazia, l’attaccante nerazzurro sbaglia l’impossibile. Passano...

Scuola, il Tar del Lazio respinge i ricorsi degli aspiranti dirigenti 

Il giudice ha definito “inammissibili e infondati” i motivi...

Von der Leyen accelera: “Un processo di Norimberga per la Russia” 

La leader europea richiama i Paesi della Ue a...

Opzione donna, ipotesi proroga a tempo: i conti del governo 

Tra gli scenari presi in considerazione per la riforma...

Accise sulla benzina: al governo 317 milioni in un mese

Rialzo delle accise di 10 centesimi con l’ultimo decreto:...

Persone con disabilità, aumenta il contributo per il trasporto

L’assessore di Terni Ceccotti: “Una risposta adeguata per tutti...

Addio all’esponente della DC: è morto Gerardo Bianco

L’ex ministro si è spento a 91 anni. Lo...
Teseide Web Design - Realizzazione Siti Web

Leggi anche

“La Russia perderà centomila soldati in un anno”

Il presidente ucraino Zelensky nel suo messaggio alla popolazione:...

Von der Leyen accelera: “Un processo di Norimberga per la Russia” 

La leader europea richiama i Paesi della Ue a...
Teseide Casa Editrice

Dalla Homepage

Opzione donna, ipotesi proroga a tempo: i conti del governo 

Tra gli scenari presi in considerazione per la riforma...

Giappone e Spagna avanti: fuori la Germania

Ai tedeschi non bastano le quattro reti al Costa...

Italia, Serbia, Kosovo: cosa fare geopoliticamente?

Il contesto geopolitico attuale si dovrebbe proporre con ancora...

Tour de France, chiusura a Nizza. Parigi impegnata con le Olimpiadi

Svolta storica, la Grande Boucle si fermerà in Costa...

La forza delle donne, evento con la giornalista Pannitteri

Ad Acquasparta la presentazione del libro: sono 104 le...