Ucraina, vertice in maggioranza: niente intesa, serve un nuovo round

|

Discussione aperta per definire la risoluzione da votare dopo le comunicazioni di Draghi al Parlamento. L’accordo non è lontano  

Riunione di oltre sei ore, manca ancora l’ok definitivo e per questo è convocato per martedì mattina un nuovo round. La maggioranza cerca ancora la quadra sulla risoluzione da votare dopo che il premier Draghi, alle 15, avrà riferito al Parlamento sulla questione in Ucraina

Dopo le polemiche che hanno investito il Movimento Cinque Stelle, anche la maggioranza cerca di chiudere sul testo del documento. In particolare si ragiona su come formulare il coinvolgimento del Parlamento che ha tenuto in stand by la maggioranza negli ultimi giorni. Passaggio che però dovrebbe essere superato: dopo vari tentativi si è deciso di aggiornare la riunione a stamattina, in attesa di approfondimenti tecnici per capire come mettere nero su bianco l’intesa. Da quanto emerge, un’ipotesi gradita alla maggioranza sarebbe quella di fare un generico riferimento alla “normativa vigente” per indicare le modalità con cui coinvolgere il Parlamento; l’esecutivo invece preferirebbe che fosse esplicitamente indicato il riferimento al decreto numero 14 del 2022, il primo decreto con gli aiuti e l’ok all’invio di armi all’Ucraina che non implicherebbe, in sostanza, che le Camere vengano necessariamente informate prima degli invii di armi. 

© Riproduzione riservata

Dello stesso autore

Modifiche al Pnrr: ecco i tempi. Via a gennaio 

La Ragioneria di Stato vuole accelerare per presentare i...

Perugia, ecco il piano dietro l’arresto dell’ex ufficiale tedesco 

L’accusa di reclutare risorse per un attacco terroristico pianificato...

Start up innovative e Maestrale: come nasce il primo incubatore

Al convegno del progetto europeo per il Comune di...

Brittney Grinder libera: ecco cosa c’è dietro lo scambio

La giocatrice di basket americana era detenuta da mesi...

La Ternana segna il rigore, il Cagliari no; 1-0 per gli umbri

Prima gioia per Andreazzoli che fa centro alla prima...

Perugia, buona prova ma solo un pari 

Contro la Spal la formazione biancorossa non va oltre...

Né Bonaccini né Schlein: Cuperlo lancia la terza via per il Pd

Dopo le candidature ufficiali spunta la possibilità di un...

Ugl a Bruxelles: le sfide presentate al Parlamento Europeo

Una serie di incontri istituzionali il 7 e l’8...

Raccordo, nuovo incidente: olio in strada e doppio tamponamento 

Ancora disagi al traffico lungo il tratto della Terni-Orte...

Lega Pro, via al progetto “Ethical Sport Management”

Ospiti del convegno Sebastiano Messina e Francesco Ghirelli, presidente...

Acquasparta, il primo romanzo horror italiano: “Il mio cadavere”

Appuntamento venerdì 9 dicembre a Palazzo Cesi per la...

Pochi medici, è allarme: “Centomila pronti alla fuga”

I numeri della Federazione nazionale degli ordini dei medici:...

Leggi anche

A Kherson 28 bombardamenti in 24 ore: colpito centro oncologico 

La Russia avanza e intanto aspetta le basse temperature...

Dalla Homepage

Modifiche al Pnrr: ecco i tempi. Via a gennaio 

La Ragioneria di Stato vuole accelerare per presentare i...

Manovra, tensioni e nodi da sciogliere

Le forze politiche si scontrano sui temi pensioni, pos...

Marracash torna con la deluxe edition di Noi, loro, gli altri

A un anno di distanza dall'uscita del disco, il...

Più libri Più liberi e la macchina dei social

Secondo i dati Aie, i social network influenzano l’acquisto...

Brittney Grinder libera: ecco cosa c’è dietro lo scambio

La giocatrice di basket americana era detenuta da mesi...

Harry e Meghan: le prime reazioni alla docuserie di Netflix

È arrivata su Netflix la prima parte del discusso...