Referendum, cinque quesiti per la riforma della giustizia: si vota il 12 giugno

|

Quarantasei milioni di italiani saranno chiamati alle urne per le modifiche proposte all’ordinamento giuridico: ecco i temi 

È fissato per domenica 12 giugno il referendum sulla giustizia, promosso da Lega e Radicali. Sono cinque i quesiti che saranno sottoposti ai circa 46 milioni di italiani aventi diritto di voto. 

La seconda domenica di giugno prevede, oltre alla consultazione referendaria, anche le elezioni amministrative di 21 capoluoghi di provincia e quattro di regione: Catanzaro, Genova, L’Aquila e Palermo. Le urne saranno aperte dalle 7 alle 23, in un’unica giornata di votazioni. 

Il referendum della giustizia è di tipo abrogativo: si vota, infatti, per revocare in maniera totale o parziale leggi e atti normativi. Affinché il voto sia valido, come tutte le consultazioni di questo tipo, è necessario raggiungere un quorum, ovvero la maggioranza di votanti fra gli aventi diritto. 

I cinque quesiti che saranno sottoposti agli italiani riguardano la riduzione delle misure  di custodia cautelare, l’abrogazione della legge Severino sull’incandidabilità dei politici condannati, la valutazione dell’operato dei magistrati all’interno dei Consigli Giudiziari anche per avvocati e professori universitari, l’abolizione della raccolta firme per presentare la propria candidatura al CMS e l’obbligo per i magistrati di separare la carriera come PM. 

Fra le questioni presentate, c’è la possibilità che le ultime tre siano annullate qualora il Parlamento dovesse approvare la riforma Cartabia entro il 12 giugno. Il progetto di legge presentato dal ministro della Giustizia tratta, infatti, proprio questi aspetti. 

Fra i sostenitori del referendum si teme che la difficoltà dei temi proposti e la scarsa informazione possano scoraggiare gli elettori, impedendo il raggiungimento del quorum. Per questo motivo la deputata del Gruppo Misto Giusy Bartolozzi ha esortato i media a parlare dell’appuntamento alle urne prossimo per gli elettori: «Ringrazio chi fa informazione  perché solo attraverso di essa consentiremo ai cittadini di esprimere la loro voce, mediante il voto referendario, esercizio di democrazia – spiega l’onorevole – penso che sia l’ultima chance che ha il popolo italiano per cambiare veramente la giustizia penale del nostro sistema». 

I numeri della giustizia in Italia

Tanto il referendum quanto la discussa riforma Cartabia trattano la riduzione delle prassi giudiziarie in Italia. Proprio questo tema è una questione delicata ma urgente da affrontare nel nostro Paese. 

Secondo alcune statistiche, nel 2021 sono stati circa 4,6 milioni i processi pendenti, ovvero ancora in corso d’udienza. Il numero è in diminuzione se paragonato agli scorsi anni, ma ancora troppo alto, considerate le lunghe trafile giudiziarie che spesso creano situazioni di impasse. 

Elevato è il numero dei casi di ingiusta detenzione che si sono verificati negli ultimi trent’anni, che si aggira attorno alle 30mila persone relegate alla custodia cautelare ma poi assolte dopo regolare processo. 

Gli errori giudiziari, invece, sono molti meno: le condanne definitive per imputati che poi dopo anni vengono assolti in processi di revisione sono circa 214 dal 1991 al 2021, con un media annuale di 7 persone incarcerate ingiustamente. 

La spesa dello Stato raggiunge numeri esorbitanti, fra indennizzi e risarcimenti: 28 milioni 880mila euro annui per i casi di ingiusta detenzione e 2 milioni 460mila euro l’anno per gli errori giudiziari. 

© Riproduzione riservata

Dello stesso autore

Meno fondi ai 18enni, più soldi a cinema e libri: il punto 

Emendamento alla legge di bilancio promosso dalla maggioranza: per...

Modifiche al Pnrr: ecco i tempi. Via a gennaio 

La Ragioneria di Stato vuole accelerare per presentare i...

Perugia, ecco il piano dietro l’arresto dell’ex ufficiale tedesco 

L’accusa di reclutare risorse per un attacco terroristico pianificato...

Start up innovative e Maestrale: come nasce il primo incubatore

Al convegno del progetto europeo per il Comune di...

Brittney Grinder libera: ecco cosa c’è dietro lo scambio

La giocatrice di basket americana era detenuta da mesi...

La Ternana segna il rigore, il Cagliari no; 1-0 per gli umbri

Prima gioia per Andreazzoli che fa centro alla prima...

Perugia, buona prova ma solo un pari 

Contro la Spal la formazione biancorossa non va oltre...

Né Bonaccini né Schlein: Cuperlo lancia la terza via per il Pd

Dopo le candidature ufficiali spunta la possibilità di un...

Ugl a Bruxelles: le sfide presentate al Parlamento Europeo

Una serie di incontri istituzionali il 7 e l’8...

Raccordo, nuovo incidente: olio in strada e doppio tamponamento 

Ancora disagi al traffico lungo il tratto della Terni-Orte...

Lega Pro, via al progetto “Ethical Sport Management”

Ospiti del convegno Sebastiano Messina e Francesco Ghirelli, presidente...

Acquasparta, il primo romanzo horror italiano: “Il mio cadavere”

Appuntamento venerdì 9 dicembre a Palazzo Cesi per la...

Leggi anche

Dalla Homepage

Meno fondi ai 18enni, più soldi a cinema e libri: il punto 

Emendamento alla legge di bilancio promosso dalla maggioranza: per...

Modifiche al Pnrr: ecco i tempi. Via a gennaio 

La Ragioneria di Stato vuole accelerare per presentare i...

Marracash torna con la deluxe edition di Noi, loro, gli altri

A un anno di distanza dall'uscita del disco, il...

Più libri Più liberi e la macchina dei social

Secondo i dati Aie, i social network influenzano l’acquisto...

Brittney Grinder libera: ecco cosa c’è dietro lo scambio

La giocatrice di basket americana era detenuta da mesi...

Harry e Meghan: le prime reazioni alla docuserie di Netflix

È arrivata su Netflix la prima parte del discusso...