Putin e Zelensky, follia, barbarie e morti ammazzati

|

E mentre Putin e Zelensky fanno e contano morti, i cittadini ucraini e i soldati russi pagano il conto di un pasto che non hanno consumato e che non consumeranno mai. Il primo morto è un morto ammazzato che fa riflettere, poi si contano.

Il cronista di guerra racconta il primo morto, un morto ammazzato. Quel primo morto fa paura, poi i morti semplicemente si contano e questo è un processo a cui tutti siamo sottoposti. Le parole del compianto Tiziano Terzani, scrittore e cronista di guerra, danno il senso di come ci si abitua alla follia e alla barbarie. Parole che mettono in secondo piano persino la guerra in Ucraina di Putin e Zelensky. L’Occidente degli sprechi e del mi giro secondo convenienza  dovrebbe trovare il coraggio di ripensare la Modernità, le promesse mancate e le deviazioni di un percorso che ci ha regalato la follia del Nazismo e la barbarie della Shoah. In fondo noi viviamo un tempo, una civiltà, una modernità che è la stessa che ha toccato il punto più basso con la Endlösung, la soluzione finale che aveva l’obiettivo di eliminare fisicamente gli ebrei dall’Europa. La modernità dello sviluppo tecnologico e della razionalità che è la stessa che aveva impiantato l’industria della morte nei campi di concentramento e di sterminio.

Putin e Zelensky fuori di testa si danno del nazista

Putin e Zelensky nella guerra Ucraina giocano la carta mediatica del sei un nazista. E sbagliano entrambi, perché evocano una immagine mentale falsa e bugiarda. A meno che gli abitudinari della guerra non credano veramente alla favola che i responsabili di Auschwitz siano dei criminali pronti a compiere misfatti. Si tratta invece del brodo culturale del quale si alimenta la modernità. Tanto l’essere umano per abitudine è portato a dimenticare violenze, massacri ed eccidi. Oggi come allora le folle russe ed ucraine sono plaudenti, orgogliose della bandiera e del taccuino della loro guerra, come allora abitudinarie. Per abitudine, come accade con il tifo allo stadio, i contendenti si dividono, si contrappongono e scavano fossati sempre più profondi. Un tedesco per lungo tempo è stato considerato un nazista e ci sono volute tre generazioni e leader politici forti per modificare questa mappa mentale. La gente russa e quella ucraina avranno difficoltà a lasciarsi alle spalle il campo dell’odio. Quel reciproco sei un nazista che si sono urlati Putin e Zelensky ha la forza di un marchio e per abitudine l’altro sarà diverso da te per un lungo periodo di tempo.

La società si lascia coercire dal potere e alla fine si contano i morti

Per abitudine ci si schiera e secondo la logica del derby si sta da una parte. Vale per i giornali, vale per le televisioni, vale per la rete. La questione guerra è complessa, ma ci si schiera. Si sceglie di stare da una parte, tanto alla fine i morti si contano e l’essenziale per i governi sarà aver scelto di stare dalla parte di chi la guerra la vincerà. Mai, come nella guerra, la coercizione del popolo è l’unica e sola speranza che guarda ad un futuro migliore. Per abitudine è così: ci si sottomette ad una società che è coercita dal potere.  Il singolo essere umano è così costretto ad un rapporto ambiguo con una società che con l’avvento della tecnologia riduce sempre più lo spazio del vicino e del lontano. E per abitudine finirà, senza che ce se ne accorga, che la bomba piomberà sul tuo tetto e il futuro si incaricherà di dividere l’umanità tra favorevoli e contrari.

© Riproduzione riservata

Dello stesso autore

Taxi: si tratta, domani convocati al Ministero

Intervista esclusiva al Presidente dell’Unione Radiotaxi Italiani Loreno Bittarelli Il...

Nepomniachtchi sfiderà Carlsen per il titolo mondiale

Il Torneo dei Candidati 2022 di Madrid è arrivato...

Luigi Di Maio, nasce alla Camera la nuova formazione politica

Nasce alla Camera la nuova formazione politica che fa...

Giarrusso lascia il M5S per aderire al progetto di Cateno De Luca?

Sabato si riunisce il Movimento meridionalista per benedire la...

Uber e ItTaxi, accordo storico all’ombra del Colosseo

La multinazionale americana Uber ed il consorzio ItTaxi celebrano...

Roma città del Giubileo, al via la Mostra

Al via la mostra Roma città del Giubileo-Trasformazioni ed...

Alessandro Gassmann, io e i GreenHeroes 

Alessandro Gassmann al Maxxi ha presentato io e i...

Eni, Italia e Algeria verso un comune destino economico

Eni sta guidando le azioni di diversificazione energetica nei...

Papa Francesco, nella follia della guerra si torna a crocifiggere Cristo

A Palazzo della Cancelleria in Vaticano la mostra Art...

Giornata Mondiale per l’Ambiente 2022

Oggi 22 aprile 2022 compie 52 anni la Giornata...

Nucleare, una scelta energetica tornata attuale

La transizione energetica ha poco o nulla a che...

Fast fashion da record e la lezione di Leonia di Italo Calvino

Fast fashion e cultura usa e getta, lo spreco...

Leggi anche

A Kherson 28 bombardamenti in 24 ore: colpito centro oncologico 

La Russia avanza e intanto aspetta le basse temperature...

Accolti mamme e bambini ucraini: “Gioia nei loro occhi”

Grandi e piccini nel Comune di Polino: arrivano dalla...

Dalla Homepage

Modifiche al Pnrr: ecco i tempi. Via a gennaio 

La Ragioneria di Stato vuole accelerare per presentare i...

Manovra, tensioni e nodi da sciogliere

Le forze politiche si scontrano sui temi pensioni, pos...

Marracash torna con la deluxe edition di Noi, loro, gli altri

A un anno di distanza dall'uscita del disco, il...

Più libri Più liberi e la macchina dei social

Secondo i dati Aie, i social network influenzano l’acquisto...

Brittney Grinder libera: ecco cosa c’è dietro lo scambio

La giocatrice di basket americana era detenuta da mesi...

Harry e Meghan: le prime reazioni alla docuserie di Netflix

È arrivata su Netflix la prima parte del discusso...