Caos seggi a Palermo: la partita di calcio blocca le elezioni

|

Già alla vigilia delle votazioni si erano registrati malumori e disagi. All’apertura delle postazioni di voto mancavano all’appello ancora 50 presidenti di sezione

Giornata di elezioni non propriamente tranquilla a Palermo, dove la città si riunisce non solo per decidere sui cinque quesiti del referendum, ma anche per le elezioni comunali. All’apertura delle urne erano circa 50 i presidenti di seggi che mancavano all’appello e che hanno rinunciato alla carica all’ultimo minuto

I disagi e malumori sono iniziati già nella giornata di ieri, quando le commissioni si sono riunite in preparazione dell’appuntamento di oggi: centinaia di persone, selezionate come scrutatori, sono rimaste bloccate nelle diverse scuole di Palermo sede di seggi elettorali a causa delle rinunce all’ultimo minuto. 

Le operazioni preliminari dovevano iniziare alle 16 e durare, secondo previsioni, meno di quattro ore: a causa delle continue defezioni sono andate oltre la mezzanotte, lasciando la città nel caos a meno di sette ore dall’apertura dei seggi. 

Il Comune di Palermo ha subito provveduto all’apertura di una mail speciale per raccogliere le richieste di sostituzione ai seggi elettorali. I lavori per colmare i vuoti lasciati hanno vincolato gli impiegati tutta la notte, pur senza arrivare a una soluzione risolutiva.

All’apertura delle urne, raccontano dai seggi, erano ancora cinquanta i seggi senza presidenti: i palermitani sono stati, quindi, rinviati a casa e invitati a tornare nel primo pomeriggio quando, si spera, l’emergenza sia rientrata. «Sono arrivati già diversi elettori che hanno chiesto di votare. Abbiamo spiegato loro che ci sono alcuni problemi e ci hanno risposto che ritorneranno più tardi, ma non è detto considerata la bella giornata e la partita del Palermo», racconta una scrutatrice all’Ansa. 

Gioca il Palermo, non si vota

Il caos iniziato ieri pomeriggio, con il mancato insediamento preliminare dei seggi, avrebbe come una tra le tante cause anche la partita della squadra di calcio del Palermo, impegnata nella finale di Play off di serie C contro il Padova. La sfida per la promozione in B si disputerà questa sera allo stadio “Renzo Barbera”, dove è previsto un pienone di oltre 34mila spettatori.

La concomitanza dell’evento sportivo e delle votazioni ha portato molti tifosi alla rinuncia della nomina nei seggi elettorali, per evitare di assistere all’incontro di calcio e di festeggiare un’eventuale promozione. 

Per evitare il caos tra i due appuntamenti palermitani, si era ipotizzata l’idea di posticipare la partita, ma la Prefettura ha deciso di confermare la data. 

Nel mentre l’amministrazione comunale di Palermo fa sapere che gli atti saranno inviati alla Procura della Repubblica «per ogni azione di competenza finalizzata all’accertamento di responsabilità di natura penale». 

Gli appelli dei candidati sindaco: «Andate a votare nel pomeriggio» 

Di fronte al caos elettorale palermitano, i candidati sindaco della città esprimono il loro disappunto. Fabrizio Ferrandelli esorta gli elettori in un audio-appello: «Consiglio a tutti di andare a votare, se possibile, dopo pranzo perché ci sono problemi in alcune sezioni in cui non si sono insediati i presidenti e stiamo intervenendo da Roma col ministero cui abbiamo denunciato tutta la situazione»

Ciro Lomonte afferma: «Ci sono sezioni ancora chiuse a un’ora e mezza dall’inizio teorico delle votazioni e gente che è rimandata a casa». Mentre Totò Cuffaro lancia una proposta: «Chiediamo al prefetto che i seggi rimangano aperti anche nella giornata di lunedì mattina per consentire a quante più persone di espletare il proprio voto e garantire così il rispetto di tale dovere e di tale diritto». 

Nel frattempo, si attendono maggiori indicazione da parte del prefetto e del Viminale. 

© Riproduzione riservata

Dello stesso autore

Manovra, i dubbi Cisl: “Ok emergenza, manca Industria 4.0”

Il segretario confederale Ignazio Ganga ascoltato nelle commissioni riunite...

Giappone e Spagna avanti: fuori la Germania

Ai tedeschi non bastano le quattro reti al Costa...

Tour de France, chiusura a Nizza. Parigi impegnata con le Olimpiadi

Svolta storica, la Grande Boucle si fermerà in Costa...

Omicidio di Borgo Bovio: il 26enne resta in carcere

La decisione del giudice per le indagini preliminari dopo...

Carambola lungo la E45, tre persone finiscono in ospedale 

Incidente stradale intorno alle 19 a Pontenuovo: coinvolte un’auto...

La forza delle donne, evento con la giornalista Pannitteri

Ad Acquasparta la presentazione del libro: sono 104 le...

Disastro Lukaku: Belgio eliminato

Pari con la Croazia, l’attaccante nerazzurro sbaglia l’impossibile. Passano...

Scuola, il Tar del Lazio respinge i ricorsi degli aspiranti dirigenti 

Il giudice ha definito “inammissibili e infondati” i motivi...

Von der Leyen accelera: “Un processo di Norimberga per la Russia” 

La leader europea richiama i Paesi della Ue a...

Opzione donna, ipotesi proroga a tempo: i conti del governo 

Tra gli scenari presi in considerazione per la riforma...

Accise sulla benzina: al governo 317 milioni in un mese

Rialzo delle accise di 10 centesimi con l’ultimo decreto:...

Persone con disabilità, aumenta il contributo per il trasporto

L’assessore di Terni Ceccotti: “Una risposta adeguata per tutti...
Teseide Casa Editrice

Leggi anche

Teseide Casa Editrice

Dalla Homepage

Manovra, i dubbi Cisl: “Ok emergenza, manca Industria 4.0”

Il segretario confederale Ignazio Ganga ascoltato nelle commissioni riunite...

Giappone e Spagna avanti: fuori la Germania

Ai tedeschi non bastano le quattro reti al Costa...

Italia, Serbia, Kosovo: cosa fare geopoliticamente?

Il contesto geopolitico attuale si dovrebbe proporre con ancora...

Tour de France, chiusura a Nizza. Parigi impegnata con le Olimpiadi

Svolta storica, la Grande Boucle si fermerà in Costa...

La forza delle donne, evento con la giornalista Pannitteri

Ad Acquasparta la presentazione del libro: sono 104 le...