Stati Uniti e armi: da inizio 2022 si contano dieci stragi al giorno 

|

Non solo Uvalde e Buffalo: i numeri raccolti dal “Gun Violence Archive” raccontano di episodi di violenza in crescita costante 

L’attacco alla Robb Elementary School a Uvalde, in Texas, arriva meno di due settimane dopo la strage di Buffalo, dove un bianco suprematista ha ucciso 10 persone in un supermercato.  Entrambe gli attentatori avevano 18 anni e possedevano armi da fuoco, facilmente reperibili negli Stati Uniti.  Se queste tragedie sono saltate agli occhi della cronaca, l’allarme che lancia “Gun Violence Archive”, organizzazione indipendente di raccolta dati, racconta di una realtà ancora più preoccupante: solo nel 2022, negli Stati Uniti, si sono verificate circa 212 stragi da armi da fuoco

Da inizio anno fino al mese di maggio, la media è di circa dieci attacchi al giorno. La GVA conta solamente le sparatorie che hanno almeno quattro vittime, quindi il numero è certamente  sottostimato rispetto alla realtà. La cultura delle armi è radicata negli Usa: nel 2021 si sono consumate ben 693 stragi, nel 2019 sono state 417. 

Sandy Hooks, Orlando, Las Vegas: la storia si ripete

Uvalde e Buffalo sono solo due delle tragedie degli ultimi anni negli Stati Uniti. L’attacco alla Robb Elementary School, in cui hanno perso la vita 19 bambini e due insegnanti, è la seconda sparatoria  in una scuola per numero di vittime.

La prima della triste classifica è la strage di Sandy Hooks, avvenuta il 14 dicembre 2012 a Sandy Hook, in Connecticut. Il ventenne Adam Lanza, dopo aver ucciso la madre, aprì il fuoco all’interno della scuola elementare della città, causando la morte di 27 persone, fra cui 20 bambini. Il ragazzo si è suicidato dopo aver compiuto la strage, prima dell’arrivo della polizia. 

Non solo le scuole come teatri di orrore. La notte fra l’11 e il 12 giugno del 2016, il noto locale gay di Orlando, il Pulse, è stato colpito dalla furia terrorista di Omar Mateen. Nella discoteca erano presenti oltre 320 persone al momento della sparatoria, di cui 49 hanno perso la vita. 

Alla base dell’attacco vi sarebbe l’omofobia di Mateen: il padre nei giorni successivi alla strage ha raccontato ai media di come il ragazzo fosse rimasto scandalizzato dal bacio di una coppia omosessuale per le strade di Miami. 

La strage di Orlando ha ricevuto un’ampia risonanza non solo per l’efferatezza dei fatti, ma anche per la drammaticità con la quale si è svolta. Quando il killer ha sequestrato le vittime all’interno del Pulse, sono stati molti i messaggi degli ostaggi lanciati attraverso i social: richieste di aiuto, localizzazioni per rendere più veloci i soccorsi o disperati saluti ai propri genitori di ragazzi che pensavano di non uscire vivi dalla sparatoria. 

L’attacco che ha registrato più vittime nella storia degli Stati Uniti è la strage di Las Vegas, avvenuta il 1° ottobre 2017 nella capitale del Nevada. L’attentatore, l’imprenditore Stephen Paddock, rinchiuso in una stanza al 32esimo piano dell’hotel di lusso Mandalay Bay, ha aperto il fuoco sulla piazza antistante l’albergo, nella quale si stava svolgendo un concerto. Il numero delle morti è 60, mentre i feriti sono 868. 

La polizia ha raggiunto la stanza dell’hotel di Paddock due minuti dopo la fine degli spari, in seguito a non poche difficoltà nel localizzarla: in molti hanno pensato che, visto il festival canoro in corso, i colpi uditi fossero fuochi d’artificio. 

Gli agenti hanno trovato l’attentatore senza vita, morto suicida, circondato da 23 armi da fuoco, fra pistole e fucili, tutte regolamente acquistate. 

© Riproduzione riservata

Dello stesso autore

Pil in diminuzione nel 2023: gli scenari dell’Istat

Il report “Prospettive per l'economia italiana nel 2022-2023”: l’aumento...

Forza Italia lancia la proposta: “Permessi Ztl validi in tutta Italia”

Il gruppo consiliare di Terni in un atto di...

Perugia, la carica dei nuovi sommelier: ecco chi ha superato l’esame 

Consegnati i diplomi, il tastevin da indossare sulla divisa...

Maltempo, dalla Regione arrivano 200mila euro 

Sono in totale 213 mila euro i fondi messi...

Accolti mamme e bambini ucraini: “Gioia nei loro occhi”

Grandi e piccini nel Comune di Polino: arrivano dalla...

A Roma arrivano i cassonetti intelligenti: via ai test 

Il quartiere Africano di Roma primo luogo di sperimentazione...

E45, cantieri e incidenti: ecco la mappa dei nuovi lavori 

Anas annuncia il cronoprogramma dei prossimi interventi per la...

I russi aspettano il “Generale inverno”: attacco a -10 gradi 

Secondo i media ucraini gli uomini di Putin sono...

Ppe, Bakolas: “Meloni è pragmatica, vediamo se credibile”

I popolari europei sono a lavoro per programmare la...

Italiani, benvenuti nel post-populismo: tra malinconia e indignazione

L’Italia, secondo il Censis, è un Paese “entrato nel...

Italia, Serbia, Kosovo: cosa fare geopoliticamente?

Il contesto geopolitico attuale si dovrebbe proporre con ancora...

Pd e M5s in piazza, Calenda a Letta: “E’ incapace di strategia politica” 

Il leader di Azione attacca il segretario Dem dopo...
Teseide Web Design - Realizzazione Siti Web

Leggi anche

Usa, ok ai robot killer per la polizia: Robocop diventa realtà?

Scenario da film fantascientifico a San Francisco, dove le...
Teseide Casa Editrice

Dalla Homepage

Riforma Cartabia e intercettazioni: la verità di Nordio 

“La pubblicazione delle intercettazioni non ha colpito solo politici...

Pil in diminuzione nel 2023: gli scenari dell’Istat

Il report “Prospettive per l'economia italiana nel 2022-2023”: l’aumento...

Lega Pro, via al progetto “Ethical Sport Management”

Ospiti del convegno Sebastiano Messina e Francesco Ghirelli, presidente...

Pochi medici, è allarme: “Centomila pronti alla fuga”

I numeri della Federazione nazionale degli ordini dei medici:...

Sogna il Marocco che affronterà il super Portogallo, Spagna out

Eliminate le Furie Rosse ai rigori, i nordafricani sognano....