Russia e armi nucleari: perché gli analisti Usa sono incerti 

|

Negli Stati Uniti i tecnici di settore hanno perplessità sull’applicazione del principio “escalate to de-escalate” da parte del Cremlino. Il dibattito resta aperto e in evoluzione

Negli Stati Uniti gli analisti sono incerti sull’applicazione del principio “escalate to de-escalate” da parte del Cremlino. Il dibattito resta aperto e in evoluzione. Il termine è stato introdotto dagli Stati Uniti per indicare l’effettiva possibilità che, nel caso in cui ci dovesse essere un conflitto militare con la Nato, Mosca sarebbe pronta a minacciare l’utilizzo di armi nucleari per costringere i Paesi alleati ad abbandonare il campo di battaglia. Dopo gli eventi del 2014, il loro ruolo in Russia è cambiato, ma continua l’incertezza che queste armi possano essere usate per mettere fine a un conflitto convenzionale.

Deterrenza nucleare in Russia: le mancate verità

Nel 2020, il paese del Cremlino ha pubblicato “I principi base della politica della Federazione russa sulla deterrenza nucleare”. Un documento in cui Mosca precisa: “armi nucleari esclusivamente come uno strumento di deterrenza”, ma che nel complesso – secondo il Centro studi del Congresso americano – non risolve completamente la questione. L’impiego di queste armi potrà essere disposto in risposta a “dati affidabili sul lancio di un attacco con missili balistici contro la Federazione russa e dei suoi alleati” o “un attacco da parte di un avversario contro siti del governo o militari critici, la cui distruzione può diminuire la capacità di risposta nucleare e aggressioni contro la Federazione russa con l’uso di armi convenzionali, nel caso in cui la stessa esistenza dello stato è a rischio”. Da quest’ultima frase emerge l’ambiguità della posizione russa, lasciando quindi aperta la strada per una possibile escalation del conflitto.

L’evoluzione del dibattito

Prima dell’annessione della Crimea, diversi studi americani – tra cui il Centro studi del Congresso americano – hanno ritenuto che le armi nucleari non strategiche in Russia “non avessero una missione definita e un ruolo nella struttura di deterrenza”. Ora, vi sono elementi che possono far credere il contrario: le dichiarazioni di Vladimir Putin in occasione dell’Assemblea federale tenutasi a marzo del 2018, rivelano la potenza della deterrenza nucleare russa insieme ad un ampio arsenale di armi non strategiche e di sistemi di lancio duali. Ciò ha portato a credere che il Cremlino possa minacciare l’utilizzo di questi mezzi per intimidire o costringere gli avversari a fare marcia indietro e che quindi, dia maggior peso alle armi nucleari nella sua strategia e pianificazione militare.

© Riproduzione riservata

Dello stesso autore

Lega Pro, via al progetto “Ethical Sport Management”

Ospiti del convegno Sebastiano Messina e Francesco Ghirelli, presidente...

Acquasparta, il primo romanzo horror italiano: “Il mio cadavere”

Appuntamento venerdì 9 dicembre a Palazzo Cesi per la...

Pochi medici, è allarme: “Centomila pronti alla fuga”

I numeri della Federazione nazionale degli ordini dei medici:...

Governo, Dl anti-Rave: è scontro sulle nuove modifiche 

Passa a maggioranza in Senato: addio ai reati contro...

Asm, Tiziana Buonfiglio nuovo amministratore delegato

Il presidente del Servizio Idrico Integrato Carlo Orsini: “Grandi...

Sogna il Marocco che affronterà il super Portogallo, Spagna out

Eliminate le Furie Rosse ai rigori, i nordafricani sognano....

Intergruppo disabilità, Guidi: “Pregiudizio la barriera più grande”

I temi sul tavolo: trasversalità, unitarietà, barriere. Locatelli “A...

Asm-Acea, firma per il primo accordo: “Operazione di prospettiva”

Il sindaco di Terni Leonardo Latini ha partecipato al...

Tragedia di San Giustino, l’autopsia sul corpo di Natasha 

Indagini avanti sulla morte dei quattro ragazzi che hanno...

Un concerto con i big firmato Tapojarvi: evento per l’Aism 

Si intitola “Musica e Parole” ed è un concerto...

E’ morto il lupo Merlino, simbolo di speranza dei Monti Sibillini 

La sua storia è intimamente legata alla figura di...

Ast, nuovo bonus ai dipendenti: arrivano 500 euro 

Dopo l’annuncio dell’azienda di qualche giorno fa per la...
Teseide Web Design - Realizzazione Siti Web

Leggi anche

Cos’e’ l’Urals, l’oro nero di Putin 

Una miscela di olio acido pesante degli Urali e...

Von der Leyen accelera: “Un processo di Norimberga per la Russia” 

La leader europea richiama i Paesi della Ue a...

A Kherson 28 bombardamenti in 24 ore: colpito centro oncologico 

La Russia avanza e intanto aspetta le basse temperature...
Teseide Web Design - Realizzazione Siti Web

Dalla Homepage

Riforma Cartabia e intercettazioni: la verità di Nordio 

“La pubblicazione delle intercettazioni non ha colpito solo politici...

Pil in diminuzione nel 2023: gli scenari dell’Istat

Il report “Prospettive per l'economia italiana nel 2022-2023”: l’aumento...

Lega Pro, via al progetto “Ethical Sport Management”

Ospiti del convegno Sebastiano Messina e Francesco Ghirelli, presidente...

Pochi medici, è allarme: “Centomila pronti alla fuga”

I numeri della Federazione nazionale degli ordini dei medici:...

Sogna il Marocco che affronterà il super Portogallo, Spagna out

Eliminate le Furie Rosse ai rigori, i nordafricani sognano....