Guerra in Ucraina: quando ad ascoltare Kissinger ci sarebbe solo da imparare 

|

All’indomani della presentazione del suo ultimo manufatto, Leadership, il grande statista americano non soltanto riconosce come necessario intervenire sull’ineludibile tragedia derivante dal conflitto Ucraino e le catastrofiche conseguenze subite a livello economico dal vecchio continente, ma rilancia il leitmotiv di tutta una vita: aggregare è ben più importante di isolare

A quasi cento anni, l’ex Segretario di Stato fa scuola e doposcuola a chi non comprende gli attuali, ancorché labili, equilibri di politica estera e mette un freno a certe illazioni sull’ottenimento della pace in Ucraina. Una già grande fortuna che sia vivo, ancor di più la fine intelligenza e l’acume analitico.

Le ultime polemiche riguardo le dichiarazioni di Kissinger su Putin e il ruolo centrale in capo alla Russia potrebbero essere racchiuse in questa sua celeberrima frase: “Soggiogare il nemico senza combattere rappresenta la vera vetta dell’arte militare.” All’indomani della presentazione del suo ultimo manufatto, Leadership, il grande statista americano non soltanto riconosce come necessario intervenire sull’ineludibile tragedia derivante dal conflitto Ucraino e le catastrofiche conseguenze subite a livello economico dal vecchio continente, ma rilancia il leitmotiv di tutta una vita: aggregare è ben più importante di isolare.

Sebbene l’arguzia di Putin fa di lui un abile pianificatore ed analista della situazione internazionale dal punto di vista russo, non rimarrà altro che risultanza a conflitto concluso. La cosa più importante – rammenta Kissinger – è che “va sconfitta l’invasione dell’Ucraina, non la Russia come Stato e come entità storica. La questione del rapporto fra Russia ed Europa andrà presa molto seriamente”.

Questo perché il ruolo della Russia non può considerarsi più come di potenza regionale, anzi potrebbe rappresentarsi come il prolungamento territoriale dell’Europa verso l’Asia Centrale, o di quest’ultima verso l’Europa, porgendo il braccio alle ambizioni geopolitiche ed economiche del Governo di Pechino. Chiaramente, tenerla ai margini, a ben vedere imporrebbe alla linea Russia di continuare a mantenere le ostilità verso l’Europa e a considerare la Nato più pericolosa di quanto già lo sia.

“Chi controlla le scorte alimentari controlla la gente; chi controlla l’energia può controllare interi continenti; chi controlla il denaro può controllare il mondo.” La presa di posizione del Novantenne Segretario di stato e premio Nobel per la Pace parte sempre dal presupposto che allontanare la Russia dalle logiche geopolitiche del mondo occidentale non può che provocare ritorsioni dall’altra parte del mondo, partendo proprio dal conflitto bellico in terra Ucraina.

Ed in effetti le dichiarazioni espresse al forum di Davos sono forse state “strumentalmente” fraintese, anche perché, a chiare lettere, non ha inteso parlare di cessione dei territori conquistati dalla Russia; al contrario ha riferito di conquistare la pace con l’inclusione, a dispetto del parere del presidente Usa Joe Biden che non ha compreso quanto sia fondamentale, anche nei prossimi tempi, il rapporto tra Russia ed Europa, a patto che, una volta per tutte, l’Europa decida di interfacciarsi con il Nord del Mediterraneo, Italia quale “Primus inter pares”, per creare canali diretti per approvvigionamenti a tutti i livelli: dai combustibili fossili al gas, dalle materie prime agli accordi commerciali, rinunciando così a possibili partnership oltre gli Urali.

© Riproduzione riservata

Dello stesso autore

Manovra, i dubbi Cisl: “Ok emergenza, manca Industria 4.0”

Il segretario confederale Ignazio Ganga ascoltato nelle commissioni riunite...

Giappone e Spagna avanti: fuori la Germania

Ai tedeschi non bastano le quattro reti al Costa...

Tour de France, chiusura a Nizza. Parigi impegnata con le Olimpiadi

Svolta storica, la Grande Boucle si fermerà in Costa...

Omicidio di Borgo Bovio: il 26enne resta in carcere

La decisione del giudice per le indagini preliminari dopo...

Carambola lungo la E45, tre persone finiscono in ospedale 

Incidente stradale intorno alle 19 a Pontenuovo: coinvolte un’auto...

La forza delle donne, evento con la giornalista Pannitteri

Ad Acquasparta la presentazione del libro: sono 104 le...

Disastro Lukaku: Belgio eliminato

Pari con la Croazia, l’attaccante nerazzurro sbaglia l’impossibile. Passano...

Scuola, il Tar del Lazio respinge i ricorsi degli aspiranti dirigenti 

Il giudice ha definito “inammissibili e infondati” i motivi...

Von der Leyen accelera: “Un processo di Norimberga per la Russia” 

La leader europea richiama i Paesi della Ue a...

Opzione donna, ipotesi proroga a tempo: i conti del governo 

Tra gli scenari presi in considerazione per la riforma...

Accise sulla benzina: al governo 317 milioni in un mese

Rialzo delle accise di 10 centesimi con l’ultimo decreto:...

Persone con disabilità, aumenta il contributo per il trasporto

L’assessore di Terni Ceccotti: “Una risposta adeguata per tutti...
Teseide Web Design - Realizzazione Siti Web

Leggi anche

Teseide Web Design - Realizzazione Siti Web

Dalla Homepage

Manovra, i dubbi Cisl: “Ok emergenza, manca Industria 4.0”

Il segretario confederale Ignazio Ganga ascoltato nelle commissioni riunite...

Giappone e Spagna avanti: fuori la Germania

Ai tedeschi non bastano le quattro reti al Costa...

Italia, Serbia, Kosovo: cosa fare geopoliticamente?

Il contesto geopolitico attuale si dovrebbe proporre con ancora...

Tour de France, chiusura a Nizza. Parigi impegnata con le Olimpiadi

Svolta storica, la Grande Boucle si fermerà in Costa...

La forza delle donne, evento con la giornalista Pannitteri

Ad Acquasparta la presentazione del libro: sono 104 le...