Fucili per i 18 anni e l’ultimo sms: «Sto per…»: chi era il killer della strage alla scuola 

|

Aveva 18 anni e lavorava in un ristorante. «Era un ragazzo difficile», dicono i conoscenti. Da piccolo era stato vittima dei bulli

Salvador Ramos, l’autore della strage Robb Elementary School di Uvalde, in Texas, aveva solo 18 anni. Il bilancio delle vittime uccise dal ragazzo sale a 19 bambini e due insegnanti. È la seconda strage più sanguinosa nella storia degli Stati Uniti, dopo quella di Sandy Hook del 2012. 

Mentre le indagini proseguono, si delinea il ritratto del killer: ex studente di quella scuola, ragazzo complicato e taciturno. Lavorava da Wendy’s, una catena di ristoranti americana con un punto vendita vicino al luogo della strage. 

«Era un tipo silenzioso, non diceva molto e non socializzava con gli altri dipendenti», commenta il manager del locale, Adrian Mendes. Ramos era un ragazzo difficile: nel suo passato da studente non andava spesso a lezione e infastidiva alcuni studenti: «Era nei radar della scuola. Si sapeva che aveva problemi ma nessuno lo ha mai segnalato alle autorità», riporta l’emittente americana Abc citando alcune fonti. 

In passato era stato vittima di bullismo: secondo alcuni ex compagni di classe, Ramos veniva spesso deriso per via degli abiti che indossava e per la difficile situazione finanziaria della sua famiglia. 

Una strage quasi preannunciata 

I profili social di Salvador Ramos sono pieni di sue foto con pistole e armi da fuoco, che condivideva inviandole ai suoi contatti. «Mi ha mandato una foto di un Ar che stava usando con delle munizioni», ha detto un suo ex compagno di classe riferendosi a un messaggio ricevuto dal killer di Uvalde pochi giorni prima della strage.

Secondo quanto riportato dal senatore del Texas, Roland Gutierrez, il killer avrebbe acquistato il fucile poco dopo aver compiuto 18 anni.  Altri indizi emergono da una criptica conversazione che Ramos ha avuto su Instagram con una ragazza conosciuta online, non residente in Texas. Il killer aveva contattato la ragazza il 12 maggio chiedendole di condividere le foto delle sue pistole. 

Poi alle 5 del mattino di martedì 24 maggio un messaggio criptico: «Sto per…», a cui la ragazza aveva risposto con curiosità. «Te lo dirò prima delle 11», ha replicato Ramos. Il suo ultimo messaggio nella chat è stato inviato alle 9.16: «Ho un piccolo segreto che voglio dirti», poi l’attacco alla Robb Elementary School. 

Prima colpisce nonna, poi la strage 

La polizia sta ancora indagando per cercare di ricostruire i moventi della strage. Al momento dell’attacco, il giovane indossava un giubbotto antiproiettile. Prima di dirigersi verso la Robb Elementary School aveva sparato alla nonna, colpendola alla testa. La donna è riuscita a uscire di casa per chiedere aiuto. 

Alcune fonti della polizia riferiscono che il killer ha avuto un incidente d’auto vicino all’istituto scolastico: dopo l’impatto è sceso dall’auto con il fucile e ha tentato di entrare nell’edificio, riuscendo a farsi strada fra alcuni agenti. 

«Sparava a chiunque e a qualsiasi cosa si trovava davanti. Appena entrato nell’edificio ha iniziato a colpire bambini, insegnanti e chiunque fosse sulla sua strada», hanno riportato i media americani citando alcuni testimoni. Ramos è stato ucciso dalla polizia dopo essersi barricato dentro la scuola. 

© Riproduzione riservata

Dello stesso autore

Pil in diminuzione nel 2023: gli scenari dell’Istat

Il report “Prospettive per l'economia italiana nel 2022-2023”: l’aumento...

Forza Italia lancia la proposta: “Permessi Ztl validi in tutta Italia”

Il gruppo consiliare di Terni in un atto di...

Perugia, la carica dei nuovi sommelier: ecco chi ha superato l’esame 

Consegnati i diplomi, il tastevin da indossare sulla divisa...

Maltempo, dalla Regione arrivano 200mila euro 

Sono in totale 213 mila euro i fondi messi...

Accolti mamme e bambini ucraini: “Gioia nei loro occhi”

Grandi e piccini nel Comune di Polino: arrivano dalla...

A Roma arrivano i cassonetti intelligenti: via ai test 

Il quartiere Africano di Roma primo luogo di sperimentazione...

E45, cantieri e incidenti: ecco la mappa dei nuovi lavori 

Anas annuncia il cronoprogramma dei prossimi interventi per la...

I russi aspettano il “Generale inverno”: attacco a -10 gradi 

Secondo i media ucraini gli uomini di Putin sono...

Ppe, Bakolas: “Meloni è pragmatica, vediamo se credibile”

I popolari europei sono a lavoro per programmare la...

Italiani, benvenuti nel post-populismo: tra malinconia e indignazione

L’Italia, secondo il Censis, è un Paese “entrato nel...

Italia, Serbia, Kosovo: cosa fare geopoliticamente?

Il contesto geopolitico attuale si dovrebbe proporre con ancora...

Pd e M5s in piazza, Calenda a Letta: “E’ incapace di strategia politica” 

Il leader di Azione attacca il segretario Dem dopo...
Teseide Web Design - Realizzazione Siti Web

Leggi anche

Giappone e Spagna avanti: fuori la Germania

Ai tedeschi non bastano le quattro reti al Costa...

Un concerto con i big firmato Tapojarvi: evento per l’Aism 

Si intitola “Musica e Parole” ed è un concerto...

David Rossi, un nuovo indagato: l’ex comandante dei carabinieri 

Il provvedimento arriva dopo l’audizione in Commissione: l’ipotesi della...

Antoniozzi: “Pronta proposta di legge per modificare infermità e seminfermità mentale”

Il vice presidente del gruppo parlamentare di Fratelli d’Italia...
Teseide Casa Editrice

Dalla Homepage

Riforma Cartabia e intercettazioni: la verità di Nordio 

“La pubblicazione delle intercettazioni non ha colpito solo politici...

Pil in diminuzione nel 2023: gli scenari dell’Istat

Il report “Prospettive per l'economia italiana nel 2022-2023”: l’aumento...

Lega Pro, via al progetto “Ethical Sport Management”

Ospiti del convegno Sebastiano Messina e Francesco Ghirelli, presidente...

Pochi medici, è allarme: “Centomila pronti alla fuga”

I numeri della Federazione nazionale degli ordini dei medici:...

Sogna il Marocco che affronterà il super Portogallo, Spagna out

Eliminate le Furie Rosse ai rigori, i nordafricani sognano....