Attacco in chiesa in Nigeria, il Papa: «Prego per le vittime»

|

L’assalto è avvenuto durante la messa domenicale di Pentecoste in una chiesa cattolica. Il commando avrebbe fatto uso di esplosivi, ma l’attentato ancora non sarebbe stato rivendicato. Papa Francesco: «Prego per le vittime e per il Paese» 

Nuovo giorno di sangue in Nigeria, dove un attacco terroristico ha colpito una Chiesa di San Francesco, a Owo, colma di fedeli cristiani per la messa domenicale della Pentecoste. Il bilancio della strage è molto alto: almeno 50, fra cui anche molti bambini. 

Il movente del massacro ancora non è chiaro, ma potrebbe essere collegato alle numerose tensioni etniche e religiose, spesso sfociate in sanguinose rivendicazioni, fra le diverse popolazioni locali e i nomadi islamici Fulani, di passaggio nel Paese africano. 

La dinamica e le indagini

I media locali riportano che almeno cinque uomini hanno aperto il fuoco e lanciato ordigni esplosivi contro i fedeli. La versione sarebbe poi stata confermata anche dalle forze dell’ordine e da alcuni testimoni. Il numero delle vittime, incerto fino a poche ore fa, è salito rapidamente da 20 a 50 persone, con una quantità ancora non precisata di feriti gravi. 

Un video postato online riprende la scena dopo l’attacco, con i corpi riversi sul pavimento della chiesa con pozze di sangue. Le prime indiscrezioni, inoltre, riportavano che gli attentatori potessero aver sequestrato anche alcune persone fra sacerdoti e fedeli presenti alla messa, ma la diocesi di Ondo ha smentito il fatto. 

L’attacco, nonostante non sia stato rivendicato da alcuna parte, è stato da alcune voci attribuito alla comunità nomade islamica dei Fulani e indirizzata in particolare contro il governatore  della regione dell’Ondo, Oluwarotimi Akeredolu, per la sua politica rigorosa sulla legge del pascolo aperto. 

La stessa pista è accreditata dal direttore della fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa, Alessandro Monteduro: «Se il banditismo in Nigeria alcuni decenni fa si avvaleva di archi e frecce, negli ultimi anni i Fulani si sono dotati di Ak47, diffusissimi nel Paese dopo la cattura di Gheddafi. L’assenza id un buon governo e la corruzione sta contribuendo a tutto questo». 

Papa Francesco: «Prego per le vittime e per il Paese»

Il pontefice allertato della tragedia avvenuta in Nigeria ha fatto sapere, attraverso i portavoce del Vaticano, di essere in preghiera «per le vittime e il Paese, dolorosamente colpiti in un momento di festa e di affidare entrambi al Signore, perché invii il Suo Spirito a consolarli». 

Le lotte etniche in Nigeria

L’Ondo è uno dei 36 stati che compongono la Nigeria ma, a differenza delle regioni del nord, è sempre stato lontano dalle sanguinose lotte degli estremisti islamici di Boko Haram. Così come ha ricordato il suo governatore Akeredolu, la zona di Owo ha «sempre goduto di relativa pace nel corso degli anni». 

Le tensioni dei gruppi di Fulani sono solo una parte di quelle crisi che ci sono in Nigeria: oltre il terrorismo di Boko Haram, le bande di saccheggiatori e rapitori e movimenti separatisti. 

In passato stragi ben più gravi hanno colpito la Nigeria, con scontri fra i coltivatori stanziali e i nomadi Fulani. Il motivo di scontro si deve alla scarsità di terre fertili e alla desertificazione nigeriana. 

Uno dei sacerdoti della Chiesa di San Francesco ha lasciato intendere che la strage avrebbe potuto essere ben più grave, perché i terroristi hanno colpito quando la funzione domenicale era quasi al termine: «Avevo persino chiesto alle persone di iniziare ad andarsene; è in quel momento che abbiamo iniziato a sentire gli spari provenire da diverse parti».

© Riproduzione riservata

Dello stesso autore

Pil in diminuzione nel 2023: gli scenari dell’Istat

Il report “Prospettive per l'economia italiana nel 2022-2023”: l’aumento...

Forza Italia lancia la proposta: “Permessi Ztl validi in tutta Italia”

Il gruppo consiliare di Terni in un atto di...

Perugia, la carica dei nuovi sommelier: ecco chi ha superato l’esame 

Consegnati i diplomi, il tastevin da indossare sulla divisa...

Maltempo, dalla Regione arrivano 200mila euro 

Sono in totale 213 mila euro i fondi messi...

Accolti mamme e bambini ucraini: “Gioia nei loro occhi”

Grandi e piccini nel Comune di Polino: arrivano dalla...

A Roma arrivano i cassonetti intelligenti: via ai test 

Il quartiere Africano di Roma primo luogo di sperimentazione...

E45, cantieri e incidenti: ecco la mappa dei nuovi lavori 

Anas annuncia il cronoprogramma dei prossimi interventi per la...

I russi aspettano il “Generale inverno”: attacco a -10 gradi 

Secondo i media ucraini gli uomini di Putin sono...

Ppe, Bakolas: “Meloni è pragmatica, vediamo se credibile”

I popolari europei sono a lavoro per programmare la...

Italiani, benvenuti nel post-populismo: tra malinconia e indignazione

L’Italia, secondo il Censis, è un Paese “entrato nel...

Italia, Serbia, Kosovo: cosa fare geopoliticamente?

Il contesto geopolitico attuale si dovrebbe proporre con ancora...

Pd e M5s in piazza, Calenda a Letta: “E’ incapace di strategia politica” 

Il leader di Azione attacca il segretario Dem dopo...

Leggi anche

Dalla Homepage

Meno fondi ai 18enni, più soldi a cinema e libri: il punto 

Emendamento alla legge di bilancio promosso dalla maggioranza: per...

Modifiche al Pnrr: ecco i tempi. Via a gennaio 

La Ragioneria di Stato vuole accelerare per presentare i...

Marracash torna con la deluxe edition di Noi, loro, gli altri

A un anno di distanza dall'uscita del disco, il...

Più libri Più liberi e la macchina dei social

Secondo i dati Aie, i social network influenzano l’acquisto...

Brittney Grinder libera: ecco cosa c’è dietro lo scambio

La giocatrice di basket americana era detenuta da mesi...

Harry e Meghan: le prime reazioni alla docuserie di Netflix

È arrivata su Netflix la prima parte del discusso...