Vaticano fu vicino a investire 250 milioni in estrazioni petrolifere 

|

L’operazione risale ai primi tempi del pontificato di Francesco. L’affare tramontò solo perché non vi erano abbastanza garanzie a livello finanziario

Fabrizio Tirabassi, ex funzionario d’Ufficio della Santa Sede, ascoltato in interrogatorio, ha rivelato che il Vaticano fosse pronto a investire 250 milioni di euro in estrazioni petrolifere in Angola. L’affare non andò in porto solo perché mancavano garanzie finanziarie a livello bancario. 

Nella 17esima udienza del processo sulla gestione dei fondi della Segreteria di Stato, Tirabassi ha ammesso che il progetto, denominato “Falcon Oil”, nacque fra il 2012 e il 2013, nei primi tempi del pontificato di Francesco. 

Dalle ricostruzioni fornite, sembra che l’allora sostituto per gli Affari generali, il monsignor Angelo Becciu, abbia coinvolto il responsabile dell’Ufficio amministrati, mons. Alberto Perlasca, a valutare la proposta di un imprenditore angolano. 

L’affare riguardava l’investimento di un’ingente somma di denaro, circa 250 milioni di euro, nelle estrazioni petrolifere in Angola. L’offerta era talmente allettante che, secondo Tirabassi, i vertici della Santa Sede si rivolsero anche a un consulente dell’Eni per la valutazione della questione.

L’Ente nazionale idrocarburi, infatti, era la compagnia petrolifera italiana proprietaria della piattaforma delle estrazioni e avrebbe dovuto mettere a disposizione le proprie risorse, in collaborazione con la Sonagol, società angolana. 

Il Vaticano proponeva di acquisire il 5% delle azioni, grazie alla gestione del finanziere Raffaele Mincione, anch’egli imputato nel processo, al quale venne affidato un incarico esplorativo. 

Lo stop delle operazioni

L’affare si fermò quando, nel rendiconto finale elaborato a distanza di un anno, Mincione spiegò che non vi erano le garanzie sufficienti per portare avanti l’investimento. «Tra l’altro c’erano anche implicazioni di carattere geopolitico – ha spiegato Tirabassi – per cui la banca Ubs non ritenne di esporsi e rifiutò di mettere a disposizione il suo finanziamento». 

Nonostante l’idea di monsignor Perlasca di trovare un altro istituto, le operazioni vennero definitivamente chiuse per paura delle complicazioni che il progetto poteva avere. 

«C’erano vari problemi – ha continuato Tirabassi – oltre all’investimento a rischio ce n’erano di carattere ambientale e anche reputazionale, essendo in quella zona l’estrazione di petrolio dannosa per l’ambiente». 

«Si decise comunque di abbandonarlo per la mancanza di sicurezze sul piano economico e l’insufficienza delle garanzie collaterali. Se ci fossero state – ha concluso Tirabassi – il progetto sarebbe stato portato alla firma del Santo Padre». 

Tramontato l’affare in Angola, gli investimenti della Santa Sede si direzionarono verso la creazione di un fondo finanziario in Lussemburgo, l’Athens Commodities Fund, che poi fu utilizzato per l’acquisizione del palazzo londinese di Sloane Avenue.

© Riproduzione riservata

Dello stesso autore

E45, cantieri e incidenti: ecco la mappa dei nuovi lavori 

Anas annuncia il cronoprogramma dei prossimi interventi per la...

I russi aspettano il “Generale inverno”: attacco a -10 gradi 

Secondo i media ucraini gli uomini di Putin sono...

Ppe, Bakolas: “Meloni è pragmatica, vediamo se credibile”

I popolari europei sono a lavoro per programmare la...

Italiani, benvenuti nel post-populismo: tra malinconia e indignazione

L’Italia, secondo il Censis, è un Paese “entrato nel...

Italia, Serbia, Kosovo: cosa fare geopoliticamente?

Il contesto geopolitico attuale si dovrebbe proporre con ancora...

Pd e M5s in piazza, Calenda a Letta: “E’ incapace di strategia politica” 

Il leader di Azione attacca il segretario Dem dopo...

Istat, ora l’inflazione rallenta: beni alimentari in salita 

Continua a preoccupare il caro prezzi, ma la situazione...

La galassia della Exor: Ferrari, stampa e start up

Il terremoto che ha sconvolto la Juventus rilancia l’attenzione...

Tragedia nella notte: quarantenne pestato a morte

Una rissa finisce nel sangue a Borgo Bovio, nella...

Caos al carcere di Terni: i detenuti sono il doppio degli agenti  

Carenza di personale e nuovi episodi di violenza. L’allarme...

Riscatto Argentina: segna sempre Messi

Leo piega il Messico e l’Albiceleste rimane in corsa...

Terremoto Ternana, ko a Pisa e Bandecchi caccia Lucarelli 

La sconfitta in Toscana costa caro ai rossoverdi: l’allenatore...
Teseide Casa Editrice

Leggi anche

Teseide Web Design - Realizzazione Siti Web

Dalla Homepage

Ecco le città con più disoccupati: i dati Cgia per il 2023 

Per l’anno prossimo le previsioni parlano di + 63...

Fondi per la sanità, cambiano i parametri: quanto spetta alle Regioni

Dal 2023 verranno considerate la mortalità e l’indice di...

I russi aspettano il “Generale inverno”: attacco a -10 gradi 

Secondo i media ucraini gli uomini di Putin sono...

Dramma Uruguay, passa la Corea del Sud

Ai sudamericani non basta la vittoria sul Ghana (0-2)....

Pos e contante, Giorgetti e il botta e risposta Salvini-Sala

Giorgetti invita a evitare ristoranti che non accettano il...

Missili Aspide per l’Ucraina: nuovo pacchetto aiuti dall’Italia

Arriva il sesto Decreto Aiuti: proroga al 31 dicembre...