Intercettazioni, ecco quanto costano agli italiani: 145 milioni

|

Il 64% della spesa totale in un anno per questa attività di indagine va al Sud Italia e alle isole: numeri in calo nel 2020, i dati del ministero della Giustizia

Un costo totale annuo di 145 milioni di euro. A causa dei tagli agli investimenti e vista l’emergenza sanitaria, che ha rallentato gli ingranaggi della giustizia, sono diminuite il numero di intercettazioni in Italia. Questo è quanto emerge dal “Rapporto statistico 2020” realizzato dalla Direzione Generale di Statistica e Analisi Organizzativa del Ministero della Giustizia. Le intercettazioni, cioè l’attività di ascolto di conversazioni in luoghi aperti o chiusi all’insaputa degli interlocutori attraverso specifici dispositivi elettronici, sono state in totale 106.513 nel 2020: 83.454 telefoniche, 15.427 ambientali e 7.632 informatiche o telematiche. Un numero inferiore a quello del 2006.

Nel periodo di monitoraggio 2003/2020 la Direzione Generale di Statistica e Analisi Organizzativa del Ministero della Giustizia ha registrato un aumento totale dei bersagli intercettati del 37%, con un tasso di crescita medio annuo pari al 1,9%. La tendenza è stata di forte crescita per i primi 6 anni, raggiungendo il picco nel 2013, con 141.774 intercettazioni. Poi il numero dei bersagli, cioè di persone intercettate, ha subito una flessione.

I dati del ministero

Dal 2009 gli importi liquidati per le intercettazioni mostrano un notevole calo, fino a toccare un punto di minimo nel 2015. Non c’è da stupirsi quindi, se nel 2020, osservando i dati, si è registrata il minimo della spesa, cioè 145.322.752 euro al netto dell’Iva.

Questa diminuzione è dovuta a diversi fattori: ai tagli del budget, all’emergenza epidemiologica che ha rallentato l’attività degli uffici giudiziari, al blocco delle liquidazioni per l’introduzione dell’obbligo della fatturazione elettronica (avvenuta nel 2015), alla decisione di modificare i bersagli e al tipo di intercettazioni che presentano costi differenti. Infatti, come afferma il Rapporto Statistico 2020:” La riduzione del 2020 è dovuta ai bersagli telefonici e ambientali perché quelli relativi ad altre tipologie di intercettazione, sempre in crescita, proprio nel 2020 raggiungono il valore massimo”.

Infatti, l’analisi per tipologia evidenzia la netta prevalenza di quelle telefoniche (78%), soprattutto perché meno costose, osservando che negli ultimi anni si tende a fare maggior uso di quelle telematiche, in particolar modo nel Sud Italia e nelle isole.

I costi elevati delle intercettazioni nel Sud Italia e nelle isole

Le intercettazioni al Sud e nelle isole, a cui si aggiunge la città di Milano, costano di più: in queste zone avvengono il 56% delle intercettazioni in Italia e vi si concentra il 64% della spesa totale. Il costo delle operazioni risulta elevato a causa della tipologia delle intercettazioni effettuate. Infatti, in queste aree si registra un aumento di quelle ambientali e telematiche (più costose) che fanno aumentare i costi di ogni intercettazione a bersaglio. Nello specifico i distretti di Palermo, Napoli, Catanzaro, Roma, Reggio Calabria e Milano (unica eccezione) liquidano più della metà delle risorse impiegate nelle intercezioni, cioè il 54%, dell’importo nazionale: Palermo spende 3.005 euro a ‘bersaglio’, seguita dall’Aquila con 2.523 euro, mentre ultima è Roma con 771 euro.

© Riproduzione riservata

Dello stesso autore

Malattie tropicali in Italia: 4 mila casi ogni anno

Dalla strongiloidosi all'echinococcosi, dalla dengue alla chikungunya: i numeri...

Lotta contro l’antisemitismo, Pecoraro: “Agire sui giovani”

L’impegno del neo-coordinatore a sciogliere i movimenti neofascisti e...

Giallo a Roma: morto Stefano Sparti, figlio dell’ex della Magliana

La procura ha avviato un fascicolo di indagine per...

Mirafiori invecchia: serve ricambio generazionale

La Fiom lancia l’allarme: “Nei prossimi sette anni il...

Ast cresce: acquistato nuovo impianto di laminazione a freddo 

Dal costo di cento milioni, il macchinario arriva dal...

Servizio Civile in Umbria, con l’Anci 40 Comuni coinvolti

Il bando resterà aperto fino alle ore 14 del...

Infiltrazioni mafiose in Umbria: “Presenza ben radicata”

I settori dell'edilizia, del turismo e dell'agroalimentare sono quelli...

Calcio, è morto Carlo Tavecchio: addio all’ex presidente Figc 

L’ex dirigente se ne è andato all’età di 79...

Zelensky a Sanremo, sì o no? Ecco chi è pro e chi contro 

Non si placano le polemiche per l’intervento programmato del...

Fonte Nuova piange i suoi cinque angeli: una storia che si ripete 

In quel tratto di strada nel 2007 morirono altri...

Ugl Chimici, gomma plastica: rinnovati i contratti nazionali

L'ipotesi per 140mila lavoratori del settore avranno un nuovo...

MasterChef alla Cascata delle Marmore arriva anche in Australia 

Andrea, ternano che lavora a Melbourne, rilancia la passione...

Leggi anche

Portogallo e Brasile volano agli ottavi

Vincono le due formazioni di Santos e Tite, staccato...

Operaio precipita da otto metri: in ospedale

Nuovo incidente sul lavoro nel Milanese: l’uomo non è...

Covid, Costa: «Estate senza restrizioni» 

Il sottosegretario alla Salute commenta l’attuale innalzamento dei casi...

Dalla Homepage

Farnesina: attacchi contro sedi diplomatiche di Barcellona e Berlino

Incendiata auto di un funzionario dell'Ambasciata italiana a Berlino...

Malattie tropicali in Italia: 4 mila casi ogni anno

Dalla strongiloidosi all'echinococcosi, dalla dengue alla chikungunya: i numeri...

Lotta contro l’antisemitismo, Pecoraro: “Agire sui giovani”

L’impegno del neo-coordinatore a sciogliere i movimenti neofascisti e...

Giallo a Roma: morto Stefano Sparti, figlio dell’ex della Magliana

La procura ha avviato un fascicolo di indagine per...